A novembre sul mercato il superiore docg, dopo normale, Chiaretto e Novello Premiati alla fine del convegno i vincitori del concorso spumanti

Bicchieri pronti per il quarto nato

29/09/2002 in Enogastronomia
Parole chiave: - - -
Di Luca Delpozzo

Sul mer­ca­to a novem­bre ci saran­no le prime bot­tiglie del­la nuo­va tipolo­gia del Bar­dolino Supe­ri­ore: quelle con tan­to di fascetta e denom­i­nazione di orig­ine con­trol­la­ta e garan­ti­ta (docg). Pri­mo ed uni­co rosso del Vene­to a fre­gia­r­si del riconosci­men­to che viene a pre­mi­are, con la pri­ma anna­ta quel­la del­la vendem­mia del­lo scor­so anno (2001) l’originalità eco­log­i­ca dell’ambiente garde­sano e la sua vocazione viti­co­la. Per quan­to riguar­da questo vino, conosci­u­to e apprez­za­to a liv­el­lo inter­nazionale, si trat­ta del­la quar­ta carat­ter­iz­zazione tipo­log­i­ca, dopo quel­la del Bar­dolino, del Bar­dolino Nov­el­lo e del Bar­dolino Chiaret­to tut­ti con la doc; prodot­to che andrà a diver­si­fi­care sul mer­ca­to una pro­duzione annua media com­p­lessi­va­mente di 220/240 mila ettolitri di vino Bar­dolino. Un ter­zo dei quali ris­er­va­to alla tipolo­gia del Bar­dolino Chiaret­to con all’incirca dieci mil­ioni di bot­tiglie annue, men­tre più ridot­ta risul­ta la pro­duzione del Bar­dolino Nov­el­lo attes­tatasi, dopo una buona parten­za sul finire del sec­o­lo scor­so, intorno ai dieci ettolitri, vale a dire un mil­ione e mez­zo di bot­tiglie. Del­la pri­ma anna­ta di pro­duzione del Bar­dolino Supe­ri­ore con la docg sono pre­viste non più di 150 mila bot­tiglie, frut­to di un’area di 150 ettari a vigne­to voca­to, e prodot­to da 35 aziende. «L’inizio di una spe­cial­iz­zazione per dare una sem­pre mag­giore vis­i­bil­ità a un vino di qual­ità»,- ha sot­to­lin­eato Aldo Branch­er sot­toseg­re­tario alle Riforme isti­tuzion­ali inter­ve­nen­do al con­veg­no svoltosi a Cal­masi­no con tema le politiche di mer­ca­to. «Risor­sa di un ter­ri­to­rio con for­ti con­no­tati cul­tur­ali e tur­is­ti­ci». Un appun­ta­men­to ormai tradizionale quel­lo che vede annual­mente con­vo­cati nel­la sala del Grup­po ital­iano vini i pro­dut­tori del­la zona pro­mosso dal Con­sorzio tutela vino Bar­dolino in col­lab­o­razione con l’Associazione Poliedro, con il patrocinio del Comune e il sosteg­no sia del­la Ban­ca Popo­lare di Verona che del­la Cam­era di Com­mer­cio. Con inter­ven­ti, come rela­tori dopo il salu­to del sin­da­co Arman­do Fer­rari, Davide Gae­ta, con­sigliere del­e­ga­to dell’Unione ital­iana vini ed Emilio Pedron ammin­is­tra­tore del­e­ga­to del Grup­po ital­iano vini. E tra i due gran­di esper­ti del set­tore è sta­to un dial­o­go con alterne domande e risposte con rif­les­sioni sul sis­tema nor­ma­ti­vo del­la Docg, tra­guar­do nel­la scala dei val­ori vitivini­coli. Ma anche inter­rog­a­tivi sul «come fare» per far con­vi­vere in un mer­ca­to in con­tin­ua evoluzione «mar­chio col­let­ti­vo e mar­chio azien­dale»; sul­la con­ve­nien­za e pos­si­bile coesisten­za di quat­tro o cinque tipolo­gie di un vino come il Bar­dolino. Per­tan­to la scelta facolta­ti­va di fare qual­ità vari­abile, con rig­ore eno­logi­co, coeren­za, per vendere bene e meglio il prodot­to. Nel portare il salu­to del pres­i­dente Fabio Bor­to­lazzi, Clau­dio Valente mem­bro del­la Cam­era di Com­mer­cio, ha evi­den­zi­a­to la capac­ità degli oper­a­tori nell’affrontare una vendem­mia quest’anno più dif­fi­cile e com­p­lessa a segui­to dei dan­ni causati dal­la tem­pes­ta. Con­veg­no pros­e­gui­to con la pre­mi­azione dei vinci­tori del XII con­cor­so spuman­ti di Bar­dolino. Questi i pre­miati: Tipolo­gia Bian­co di Cus­toza: Az. Agr. Monte del Frà (Brut), Az. Agr. Vil­la Medici (Brut), Az. Agr. Tam­buri­no Sar­do (Brut), Tenu­ta San Leone (Brut) e Az. Agr. Monte del Frà (Dry). Tipolo­gia Soave: Casa Vini­co­la Cam­braro (Brut), Az. Agr. Balestri Val­da di Riz­zot­to Gui­do (Brut), Az. Agr. Mon­te­ton­do di Magna­bosco (Brut). Tipolo­gia Lugana: Az. vini­co­la Zena­to (Brut). Tipolo­gia: Gar­da Chardon­nay: Az. Agr. Dario e Andrea Bergami­ni Cola. Tipolo­gia Chiaret­to: Az. Agr. Monte Saline (meto­do clas­si­co); Az. Agr. Costa­doro (Brut). Tipolo­gia Recioto di Soave: Can­ti­na sociale di Soave (Brut), Az. Agr. Agosti­no Vicen­ti­ni.

Bardolino
Parole chiave: - - -

Commenti

commenti