Bilancio e innovazione, Calcinato nel futuro senza lasciare indietro nessuno

17/11/2022 in Attualità
Parole chiave: -
Di Redazione

Finanze solide e servizi comu­nali invariati nonos­tante la crisi eco­nom­i­ca por­ta­ta dal Covid. È sta­ta forte­mente svilup­pa­ta la tec­nolo­gia con la pre­sen­za di un nuo­vo sito e una nuo­va app, oltre alla posa del­la fibra otti­ca per venire incon­tro alle aziende e alle scuole.

Che la per­sona sia al cen­tro per l’Amministrazione lo dicono anche i numeri del bilan­cio di Cal­ci­na­to. Questo manda­to è sta­to carat­ter­iz­za­to da una serie di even­ti sicu­ra­mente uni­ci e stra­or­di­nari. Le finanze comu­nali, tut­tavia, si sono riv­e­late solide e in gra­do di sostenere tutte queste dif­fi­cili situ­azioni, risul­ta­to tut­t’al­tro che scon­ta­to e sem­plice da raggiungere.

INVESTIMENTI SUL SOCIALE E AIUTI ALLE FAMIGLIE E ALLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE.

Sig­ni­fica­tivi sono sta­ti gli inves­ti­men­ti del 2022 nel socioas­sis­ten­ziale e nel­l’istruzione come i 120 mila euro per l’integrazione delle rette del­la casa di riposo, i 394 mila euro per gli inser­i­men­ti in strut­ture per dis­abili, i 570 mila euro per l’ad per­son­am e i 255 mila euro per l’integrazione delle rette delle scuole par­i­tarie. A questo è fon­da­men­tale aggiun­gere che tut­ti i servizi comu­nali sono rimasti invariati a liv­el­lo di spe­sa per le famiglie, nonos­tante la grave e costante crisi eco­nom­i­ca in cui ver­sa l’Italia. Le aliquote delle prin­ci­pali imposte, non solo sono rimaste invari­ate nel tem­po, ma dal 2022 è sta­ta introdot­ta l’e­sen­zione IRPEF ai red­di­ti fino a 10 mila euro, ulte­ri­ore pro­va tan­gi­bile di vic­i­nan­za alle fasce più frag­ili. Sono sta­ti stanziati 40 mila euro per il “Bonus Tari” per aiutare le famiglie in dif­fi­coltà eco­nom­i­ca. Da seg­nalare anche il grande con­trib­u­to dato alle pic­cole imp­rese nel peri­o­do del­la crisi pan­dem­i­ca con 410 mila euro ero­gati tramite ban­di a sosteg­no delle attiv­ità produttive.

INNOVAZIONE TECNOLOGICA, CALCINATO NEL FUTURO.

Cal­ci­na­to dal pun­to del­lo svilup­po tec­no­logi­co ha fat­to un grande salto in avan­ti sia dal pun­to di vista isti­tuzionale che da quel­lo delle attiv­ità pro­dut­tive. Il sito inter­net è sta­to di recente aggior­na­to, imple­men­ta­to e sem­pli­fi­ca­to. Gra­zie anche ai fon­di del PNRR è pre­vis­to un ulte­ri­ore miglio­ra­men­to impronta­to sul­la mag­giore oper­a­tiv­ità del cit­tadi­no che potrà inserire/effettuare diret­ta­mente delle richi­este e scari­care documentazione/certificazioni. Un grande salto in avan­ti è sta­to fat­to anche sul piano del­la comu­ni­cazione con l’utilizzo dei social, di What­sApp e del­la nuo­va app Municip­i­um che per­me­tte al cit­tadi­no di rice­vere o con­trol­lare tutte le inizia­tive comu­nali in modo sem­plice e diret­to. Sono sta­ti infine investi­ti cir­ca 40 mila euro per far arrivare la fibra otti­ca agli immo­bili comu­nali, alle scuole e alle aziende. Un inter­ven­to che ha per­me­s­so di avere più pun­ti di con­tat­to a cui i pri­vati pos­sono col­le­gar­si aven­do una lin­ea più per­for­mante. E’ invece notizia di poche set­ti­mane fa il finanzi­a­men­to che ver­rà eroga­to al Comune gra­zie ad un pok­er di ban­di vin­to sul PNRR: una cifra com­p­lessi­va di cir­ca 180 mila euro sud­di­visi tra lo svilup­po dell’App Io (16.121 euro), l’implementazione del Pago PA (29.995 euro), la migrazione dei dati sul Cloud (121.992 euro) e l’integrazione dell’identità dig­i­tale SPID-CIE (14.000 euro).

Parole chiave: -

Commenti

commenti