Il bilancio è sicuramente positivo, e laXXIV^ edizione della "Expo Riva Hotel - Expo Riva Food", va in archivio a pieni voti.

Bilancio positivo per l’Expo Riva Hotel

05/02/2000 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Cl.C

Il bilan­cio è sicu­ra­mente pos­i­ti­vo, e laXXIV^ edi­zione del­la “Expo Riva Hotel — Expo Riva Food”, va in archiv­io a pieni voti. Questo, sin­teti­ca­mente, il bilan­cio che da Pala­con­gres­si si è potu­to ricavare ieri, in quan­to l’assen­za del diret­tore Righi fino a lunedì impedisce un’anal­isi più accu­ra­ta dei dati. 30.000 vis­i­ta­tori con­tro i 24.000 del­la scor­sa edi­zione, aumen­to degli espos­i­tori (gra­zie, ovvio, all’au­men­to del­l’of­fer­ta del­l’area espos­i­ti­va), dai 255 del ’99 ai 270 di quest’an­no, un flus­so con­trol­la­to di vis­i­ta­tori che non ha richiesto par­ti­co­lari “atten­zioni” da parte degli organi di con­trol­lo, nel sen­so che gli episo­di dovu­ti ad efflu­vi del dio Bac­co delle pas­sate edi­zioni, non si sono ripetuti.Solo una voce, ma tut­ta da con­fer­mare, di sparizione di alcu­ni forni a microonde da parte di un espos­i­tore, ma fino a ieri nes­suna denun­cia uff­i­cale è sta­ta pre­sen­ta­ta alle . Pala­con­gres­si è, dunque, sod­dis­fat­ta. Gli sforzi tesi a pre­sentare Riva del Gar­da nel migliore dei modi, dopo anni di sof­feren­ze, stan­no lenta­mente rag­giun­gen­do gli obi­et­tivi pre­fis­si dal­l’ente rivano. La novità rap­p­re­sen­ta­ta dai con­veg­ni a con­torno del­l’­Ex­po, ha rac­colto giudizi pos­i­tivi, la tavola roton­da pro­mossa dal­l’U­nione Com­mer­cio e Tur­is­mo è sta­ta fori­era di indi­cazioni in ambito provin­ciale, pro­prio ora che si pone in dis­cus­sione la pro­pos­ta di riv­is­i­tazione del­la legge da parte del­l’asses­sore Mar­co Benedetti.L’annesso con­cor­so gas­tro­nom­i­co inter­nazionale di cuci­na e sala bar, indet­to dal Cen­tro di For­mazione Pro­fes­sion­ale Alberghiero del Varone, ha vis­to sfi­dar­si tra i for­nel­li gio­vani promesse delle scuole o isti­tu­ti alberghieri di varie etnie, oltre agli ital­iani c’er­a­no, infat­ti, sloveni, dane­si, rus­si, unghere­si, polac­chi, tedeschi ed aus­triaci. Cinque, inten­si e profi­cui giorni di attiv­ità com­mer­ciale, un’oc­ca­sione per Riva del Car­da a tes­ti­mo­ni­an­za che il Ter­zo Polo Urbano è lì, a por­ta­ta di mano

Parole chiave: