E' enorme la torta dei giochi in Italia, ma sicuramente Bingo punta a ritagliarsi una fra le fette più grosse.

Bingo, che affare!

29/12/2001 in Curiosità
Di Luca Delpozzo

E’ enorme la tor­ta dei giochi in Italia, ma sicu­ra­mente Bin­go pun­ta a ritagliar­si una fra le fette più grosse.Leader incon­trasta­to, per ora, è il Lot­to con 12.600 mil­iar­di di lire incas­sati nei pri­mi 11 mesi di quest’an­no, segui­to dal Super­enalot­to con 4.695 e dalle scommesse ippiche con 3.490, seguono poi tut­ti gli altri giochi.Il mer­ca­to ital­iano di scommesse e giochi vale cir­ca 30 mila mil­iar­di (15,5 mil­iar­di di €), ma proiezioni di esper­ti fan­no salire di molto questo dato, fino a toc­care il tet­to di 70 mila mid.Nel 2002 le pre­vi­sioni per Bin­go par­lano di una racol­ta di almeno 5.500 mil­iar­di di lire. Il prin­ci­pale oper­a­tore è oggi For­mu­la Bin­go (la stes­sa che ha aper­to la sala di Sirmione), che gestirà cir­ca 220 sale sulle 414 fino­ra autor­iz­zate in Italia.Formula Bin­go è una soci­età con­trol­la­ta al 47% da For­mu­la Bin­go Servizi che fa capo all’im­pren­di­tore Luciano Con­soli ed altri part­ners. Con loro, ci sono altre soci­età anche estere.Mentre negli Sta­ti Uni­ti, a causa del­la spi­eta­ta con­cor­ren­za delle case da gio­co, il busi­ness del gio­co ha conosci­u­to una brus­ca fre­na­ta, in Europa e in Italia, soprat­tut­to, Bin­go è des­ti­na­to al successo.Anche per­ché i cas­inò, che qual­cuno vor­rebbe riapris­sero in ogni regione, per il momen­to se ne restano chiusi nel cassetto.Difficile che lo Sta­to pos­sa favorirne la ria­per­tu­ra quan­do ha scommes­so su Bingo.