Oggi a Lazise in acqua gli equipaggi per l’assegnazione dei tre trofei. Favorite Bardolino e Regina Adelaide, ma la gara è apertissima

Bisse, in sedici per la sfida finale

12/08/2006 in Attualità
A Lazise
Di Luca Delpozzo

In acqua nella finalissima per l’assegnazione dei premi. Questa sera in notturna, a partire dalle 22 e confidando nella tenuta del tempo, le 16 bisse che per due mesi si sono date battaglia nelle regate di qualificazione per evidenziare le proprie forze si sfidano per conquistare i tre trofei in palio.Quella che verrà disputata si presenta come una regata secca, che premia esclusivamente la bissa vincente di ognuna delle tre batterie.La gara a sei per la conquista del riconoscimento più ambito, la Bandiera del lago 2006, vede in acqua assieme alla Bardolino, prima con 238 punti, e alla Regina Adelaide che insegue a 234, Clusanina, Portesina, Garda e Ca’ Da Mosto. Quest’ultima formazione è arrivata nella batteria dei forti dopo la gara di spareggio con gli atleti della Peschiera e vinta per un soffio, a conclusione di un duello al cardiopalma, dall’armo di Desenzano. Un posto raggiunto in extremis anche dalla Garda, la bissa del campione Alberto Malfer con un palmares di 12 bandiere e che ha firmato l’Albo d’Oro delle ultime tre edizioni. Si tratta di un giusto premio agguantato al termine di una lunga rincorsa, nella classifica a punti, dovuta a una virata sbagliata registrata a Salò nella regata di apertura del torneo.Sono quattro gli equipaggi veronesi pronti a battersi in seconda batteria per il trofeo Comunità del Garda: le due barche arilicensi Peschiera e Ichtya, Preonda di Bardolino e Birba, la bissa di casa (l’equipaggio è costituito da Fulvio Campagnari, Luigi Girelli, Stefano Bergamini, Paolo Bigagnoli) che dovranno tenere conto dell’incomodo rappresentato dalla Foscarina di Gardone.A gareggiare nella finalissima per il trofeo Coordinamento voga alla veneta cinque barche bresciane: Villanella di Gargnano, Benacum di Toscolano Maderno, Serenissima di Salò, Athena di San Felice e Carmagnola del lago d’Iseo.La manifestazione remiera sarà preceduta nel tardo pomeriggio da spettacoli di arti varie per le vie del paese e dall’esibizione degli sbandieratori; seguiranno la benedizione degli equipaggi, nella chiesetta di San Nicolò al porto vecchio, e quindi la sfilata a terra dei gruppi di vogatori per le vie del centro storico.

Alvaro Joppi

Commenti

commenti