L’inedita coppia di vogatori ha vinto allo sprint la tradizionale sfida remiera che si è svolta lungo i canali della fortezza

Caldana e Girelli «firmano» il Palio

Di Luca Delpozzo
G.B.

Dopo anni di dominio asso­lu­to, i fratel­li Fran­co e Luca Cal­dana han­no sci­olto la cop­pia che sem­bra­va imbat­tibile e affronta­to la XV edi­zione del Palio delle mura entram­bi con un nuo­vo com­pag­no di voga­ta. E ad avere la meglio è sta­to Luca, che qua­si al fotofin­ish ha con­quis­ta­to il Palio 2007 — dip­in­to da Mario Malfer — insieme a Lui­gi Girelli, orig­i­nario di Lazise. Sul podio, al sec­on­do pos­to, Alan Di Caprio e Ste­fano Maz­zure­ga; al ter­zo Fran­co Cal­dana con David Brusco.Il Palio delle mura, orga­niz­za­to dal Comune in col­lab­o­razione con l’as­so­ci­azione Remiera Peschiera, archivia dunque anche ques­ta edi­zione all’in­seg­na di molte con­ferme ma anche con l’an­nun­cio di novità impor­tan­ti: come l’ipote­si, più che conc­re­ta, che l’edi­zione 2008 coin­ci­da con l’inaugurazione del­la nuo­va sede del­la Remiera. «Noi ce lo auguri­amo», con­fer­ma il pres­i­dente Mau­ro Ami­ca­bile, «anche per­ché siamo sicuri che il prossi­mo anno ci vedrà oper­a­tivi al 100 per cen­to nell’edificio in riva al Min­cio che un tem­po ospi­ta­va l’istituto ittiologico».Le con­ferme del suc­ces­so del Palio ven­gono, invece, dal­la con­tin­ua cresci­ta del­la man­i­fes­tazione e dal cres­cente numero di spet­ta­tori. E accan­to al pub­bli­co aumen­tano le barche in gara: quest’an­no ben 19 gli scafi sce­si in acqua; barche che ripro­ducono la lin­ea del­la gon­do­la garde­sana, quel­la uti­liz­za­ta un tem­po dai pesca­tori: una cop­pia di voga­tori per­corre per due volte il cir­cuito inter­no dei canali del­la fortez­za. Una scia d’ac­qua dal­la quale sem­bra si innalzi­no i pos­sen­ti bas­tioni veneziani che da questo par­ti­co­lare osser­va­to­rio offrono uno spet­ta­co­lo di rara suggestione.Lo ha con­fer­ma­to l’asses­sore regionale allo sport Mas­si­mo Giorgi­et­ti sul pal­co delle pre­mi­azioni. «E’ una grande emozione vedere questi stra­or­di­nari atleti com­petere. Ma per me è sta­ta un’emozione ancor più grande vedere Peschiera e la sua fortez­za dall’acqua: uno spet­ta­co­lo che meri­ta di essere val­oriz­za­to. Invi­to tut­ti a sco­prir­lo. Io l’ho fat­to per la pri­ma vol­ta in ques­ta occa­sione, e pen­so tornerò per ved­er­lo con ancor più attenzione».L’assessore ha anche accen­na­to alla disponi­bil­ità a val­utare un prog­et­to di illu­mi­nazione del­la cin­ta muraria insieme all’Amministrazione comu­nale, che ha a sua vol­ta rib­a­di­to l’impegno a sostenere la man­i­fes­tazione, «che rap­p­re­sen­ta non solo un grande momen­to di sport», ha det­to il vice sin­da­co Wal­ter Mon­tre­sor, «ma anche un appun­ta­men­to con le tradizioni e la sto­ria del­la nos­tra regione e del Garda».Un val­ore «a ben­efi­cio di noi tut­ti e del­la nos­tra memo­ria» sot­to­lin­eato anche dai patroci­ni: accan­to a Regione e Provin­cia, c’era anche la Provin­cia di Venezia.