Cambio al vertice della sezione Alpini di Lazise

30/01/2013 in Attualità
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
Sergio Bazerla

Dopo quindi­ci anni e ben cinque man­dati con­sec­u­tivi da capogrup­po delle penne nere lacisiense, Car­lo Paroli­ni, “mette a ter­ra” lo zaino e pas­sa la mano a Ste­fano Bergami­ni (nel­la foto). Lo han­no deciso gli oltre cen­toven­ti che aderiscono al grup­po di Lazise nel cor­so delle elezioni per il rin­no­vo delle cariche sociali per il tri­en­no 2013–2015 svolte­si pres­so il cen­tro gio­vanile par­roc­chiale. Nel­lo stes­so incon­tro gli alpi­ni han­no anche rin­no­va­to il con­siglio diret­ti­vo che elet­to 14 nuovi con­siglieri che coa­d­i­u­ver­an­no il neo pres­i­dente Bergami­ni nelle attiv­ità del gruppo.Sono sta­ti elet­ti: Mar­co Coraz­za, Ste­fano Andreoli, Arnal­do Pic­coli, Mario Mar­ti­ni, Gio­van­ni Bertol­di, Fran­co Pachera, Sal­va­tore Fasoli, Fran­co Girar­di, Rober­to Per­inel­li, Ser­gio Marconi,Narciso Bar­bazeni, Gae­tano Bigagnoli,Giovanni Sar­tori e Car­lo Parolini.“Ho di fat­to pas­sato la mano per dare un gius­to spazio ai soci più gio­vani — spie­ga il capogrup­po uscente Car­lo Paroli­ni- per­chè è più che mai gius­to che vi sia un ricam­bio e che forze nuove e fres­che pos­sano con­tribuire allo svilup­po delle molte attiv­ità che gli alpi­ni svol­go­no nel nos­tro paese.”“Ringrazio di cuore gli alpi­ni che mi han­no vota­to e scel­to per il manda­to di capogrup­po — ha subito dichiara­to Ste­fano Bergami­ni — con­vin­to più che mai che assieme si pos­sono fare tante belle e buone cose. E gli alpi­ni non han­no mai det­to di no. Con­fidi­amo anche che in questo tri­en­nio pos­sa vedere final­mente la luce la nuo­va bai­ta alpina che l’am­min­is­trazione comu­nale ha promes­so in zona Barum. I prog­et­ti sono par­ti­ti, sono bel­li, spe­ri­amo che al più presto si pos­sano concretizzare”.Frattanto gli alpi­ni sono , con la loro “bai­ta” anco­ra ospi­ti del­la canon­i­ca. Da anni sono han­no pos­to il loro cen­tro base in un’area mes­sa a dis­po­sizione dal par­ro­co. L’han­no riat­ta­ta, ristrut­tura­ta, resa agi­bile gra­zie alle loro capac­ità ed al loro impeg­no. “Ma dove­va essere una sis­temazione provvi­so­ria — spie­ga anco­ra Paroli­ni — pro­prio in atte­sa del­la nuo­va bia­ta. Una provvi­sori­età qua­si stabile.“Nel cor­so del­l’assem­blea alpina ha pre­sen­zi­a­to anche il sin­da­co accom­pa­g­na­to dal­l’asses­sore Clu­a­dio Bertoldi.“Ringrazio davvero gli alpi­ni per la loro costante disponi­bil­ità, il loro servizio, la loro pre­sen­za sul ter­ri­to­rio — ha sot­to­lin­eato Ren­zo Frances­chi­ni — e so quan­to teni­ate allo spazio bai­ta. Il nos­tro impeg­no è com­ple­to come pure l’at­ten­zione alla real­iz­zazione del prog­et­to. Con­fidi­amo che l’opera pos­sa vedere la luce al più presto.“All’assemble ha por­ta­to il salu­to del­la sezione provin­ciale il vicepres­i­dente David Favet­ta accom­pa­g­na­to dal vice capo zona Ren­zo Bergami­ni. Era inoltre pre­sente il respon­s­abile del grup­po di Clau­dio Delaini.Sergio Baz­er­la

Parole chiave: -