Dopo anni di attesa, la frazione rivana vedrà risolti i problemi di collegamento con la busa e di traffico nel centro del paese La Provinciale 37 sarà percorribile a singhiozzo per i lavori del tunnel

Campi, lunedì aprono i due cantieri stradali

29/11/2003 in Viabilità
Di Luca Delpozzo
Paolo Tagliente

Gal­le­ria e nuo­va cir­con­va­l­lazione di Campi: si parte. Lunedì i tec­ni­ci e gli uomi­ni del­la dit­ta tre­visana «Guer­ri­no Piva­to spa» daran­no inizio ai lavori per la real­iz­zazione delle due impor­tan­ti opere viarie. Dopo decen­ni di polemiche, di richi­este e di promesse, insom­ma, per la frazione mon­tana del comune di Riva è arriva­to il momen­to tan­to atte­so. Quel­li causati dal cantiere allesti­to in local­ità “Piam delle porte”, insom­ma, saran­no davvero gli utli­mi dis­a­gi che la gente di Campi è chia­ma­ta a sopportare.L’intervento si svilup­perà sui due fron­ti con­tem­po­ranea­mente: il mate­ri­ale di risul­ta del tun­nel, infat­ti, sarà uti­liz­za­to per i riem­pi­men­ti nec­es­sari sul­la nuo­va cir­con­va­l­lazione. A causare i prob­le­mi mag­giori sarà ovvi­a­mente il cantiere allesti­to sul­la provin­ciale 37 e nec­es­sario per real­iz­zare lo sca­vo sot­to il monte S. Mar­ti­no, che par­tirà pro­prio in local­ità Piam delle Porte. L’opera, prog­et­ta­ta dagli ingeg­neri Luciano Mar­tora­no e Lui­gi Stuc­chi del servizio Opere stradali del­la Provin­cia, prevede una gal­le­ria di 192 metri che con­sen­tirà di abban­donare l’at­tuale trac­cia­to e di risol­vere defin­i­ti­va­mente il prob­le­ma del­la peri­colosità in quel trat­to, da sem­pre. La zona imme­di­ata­mente prece­dente all’im­boc­co del tun­nel sarà mes­sa in sicurez­za (per un trat­to di 84 metri) con un sis­tema di tiran­ti d’an­cor­ag­gio, più ordi­ni di bar­riere para­mas­si e una rete metal­li­ca che sarà ste­sa sul­l’in­tero pen­dio. Nei giorni scor­si, il geome­tra John­ny Viel, del­la Piva­to, s’è incon­tra­to con l’asses­sore Lui­gi Mari­no e con Patrick Loren­zi per ascoltare le esi­gen­ze degli abi­tan­ti di Campi e piani­fi­care insieme le fasce orarie in cui chi­ud­ere com­ple­ta­mente la stra­da al traf­fi­co, riducen­do al min­i­mo i dis­a­gi per gli stu­den­ti e per quan­ti devono rag­giun­gere la busa per lavoro. E così, è sta­to sta­bil­i­to che da lunedì 1 dicem­bre 2003 a ven­erdì 27 feb­braio 2004, non si potrà tran­sitare nel trat­to inter­es­sato del­la provin­ciale 37 dalle 9 alle 12, dalle 14.30 alle 16 e dalle 17 alle 18.30. Durante il resto del­la gior­na­ta e nei giorni fes­tivi, sul­la stra­da sarà isti­tu­ito un sen­so uni­co alter­na­to rego­la­to con impianto semafori­co. La cir­co­lazione sarà sem­pre garan­ti­ta in caso di emer­gen­za. Regole, queste, che saran­no ovvi­a­mente sospese dal 22 dicem­bre al 6 gen­naio, peri­o­do in cui il cantiere rimar­rà chiu­so per le fes­tiv­ità natal­izie. È sta­ta pre­sa in con­sid­er­azione anche l’even­tu­al­ità di lavo­rare allo sca­vo durante le ore not­turne, ma l’u­ti­liz­zo di cariche esplo­sive ha con­vin­to i tec­ni­ci — almeno in ques­ta fase del­l’­opera — a rinunciare.Sul fronte del­la cir­con­va­l­lazione, invece, prog­et­ta­ta dal­l’ingeg­nere rivano Fran­co Sgar­i­to, non sono pre­visti dis­a­gi che vadano oltre il via vai di mezzi pesan­ti. Le due opere dovran­no essere com­ple­tate in 450 giorni lavo­ra­tivi. Per quan­to riguar­da il tun­nel, però, il “grez­zo” dovrebbe essere ulti­ma­to già a otto­bre o novem­bre del prossi­mo anno, con­sen­ten­do il ritorno alla nor­mal­ità nel­la cir­co­lazione e nei col­lega­men­ti con la frazione.

Nessun Tag Trovato

Commenti

commenti