Semaforo verde al piano triennale delle opere pubbliche: fra gli interventi, l’asilo nido e la riconversione dell’ex palestra a La Pezza

Cantieri per 5 milioni di euro

17/10/2004 in Attualità
Di Luca Delpozzo
Sergio Bazerla

Qua­si cinque mil­ioni di euro da spendere in tre anni, fino al 2006, per opere pub­bliche che ha in pro­gram­ma di real­iz­zare. Lo ha delib­er­a­to nel­l’ul­ti­ma sedu­ta il con­siglio comu­nale approvan­do il quadro di sin­te­si delle opere pub­bliche in forza del­la legge 109 del 11 feb­braio 1994. Di ques­ta spe­sa, ben 2 mil­ioni e otto­cen­tomi­la euro saran­no spe­si nel cor­so del­l’an­no in cor­so. Ovvi­a­mente alcu­ni impor­ti sono già in erogazione, a fronte di lavori già in ese­cuzione o in fase di ulti­mazione. In pri­mo luo­go l’in­ter­ven­to di manuten­zione stra­or­di­nar­ia del­l’ed­i­fi­cio sco­las­ti­co in local­ità La Pez­za, con una spe­sa di 135 mila euro. Già mes­si a dis­po­sizione 240 mila euro per inter­ven­ti di manuten­zione stra­or­di­nar­ia e rias­fal­tatu­ra di strade comu­nali. Sta per iniziare anche la gara di appal­to per la ristrut­turazione del­la scuo­la mater­na di Pacen­go e per la real­iz­zazione di un asi­lo nido: spe­sa 385 mila euro. Parte ver­rà cop­er­ta da un con­trib­u­to regionale già a dis­po­sizione. Una con­sis­tente spe­sa, per oltre 200 mila euro, andrà a sostenere la ristrut­turazione dell’ala nord ovest del­la scuo­la ele­mentare di Colà. Ben 210 mila euro invece saran­no nec­es­sari per l’ab­bat­ti­men­to delle bar­riere architet­toniche nel­la sede munic­i­pale. Per la tutela delle mura scaligere, e in par­ti­co­lare per la mes­sa in sicurez­za delle tre porte di acces­so al cen­tro stori­co, l’am­min­is­trazione prevede di spendere 400 mila euro. Per l’am­pli­a­men­to del­la ex scuo­la di Pacen­go per la real­iz­zazione di una sala civi­ca servi­ran­no 250 mila euro. E’ in cor­so la ristrut­turazione del­la ex palestra del­l’ed­i­fi­cio sco­las­ti­co in local­ità La Pez­za con una sua speci­fi­ca ricon­ver­sione fun­zionale. La spe­sa è di 480 mila euro. Per gli inter­ven­ti di arredo urbano e per la real­iz­zazione del­la nuo­va piattafor­ma eco­log­i­ca sono pre­viste spese per 270 mila euro. «E’ un impeg­no finanziario sig­ni­fica­ti­vo», spie­ga l’asses­sore Fabio Mari­noni, «ma che ave­va­mo in ani­mo di avviare sin dal­la cos­ti­tuzione del­la nos­tra ammin­is­trazione. Sono inter­ven­ti qual­i­f­i­can­ti e indero­ga­bili. Per alcu­ni abbi­amo acquisi­to o sti­amo acquisendo con­tribu­ti region­ali e pub­bli­ci. Siamo quin­di fiduciosi del­la bon­tà delle scelte oper­ate. Ovvi­a­mente alcune opere saran­no effet­ti­va­mente fruibili e uti­liz­z­abili nel cor­so del 2005».