Il finanziamento servirà per riparare gli ingenti danni provocati del sisma del 24 novembre 2005. Centomila euro dal Broletto agli istituti di Castenedolo, Rezzato, Sabbio, Roè, Salò e Toscolano

Case di riposo, contributo dei servizi sociali

26/11/2005 in Attualità
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
Pietro Gorlani

E’ di 100mila euro il con­trib­u­to eroga­to dall’assessorato provin­ciale alle Attiv­ità Socio Assis­ten­ziali a 6 case di riposo di Gar­da e Vallesab­bia dan­neg­giate dal sis­ma del 24 novem­bre 2004. A cir­ca un anno dal­la delib­era di giun­ta con la quale il Bro­let­to decise di aiutare la ricostruzione degli isti­tu­ti per la terza età, ieri l’assessore Ric­car­do Mini­ni ha annun­ci­a­to la defin­i­ti­va con­seg­na dei fon­di promes­si. «Un inter­ven­to sig­ni­fica­ti­vo e con­cre­to — ha com­men­ta­to Mini­ni — che va ad aggiunger­si agli aiu­ti dati ai pae­si col­pi­ti dal sis­ma. I fon­di sono sta­ti ero­gati in ritar­do per degli spi­acevoli incove­ni­en­ti buro­crati­ci. Intop­pi che non dovreb­bero esser­ci, soprat­tut­to in casi come questi». Ma l’importante è che gli enti ben­e­fi­cia­ri, indi­vid­uati dal­la Provin­cia tramite le ordi­nanze min­is­te­ri­ali del com­mis­sario del­e­ga­to Mas­si­mo Busce­mi, siano arrivati a des­ti­nazione. E i diri­gen­ti delle case di riposo che han­no rice­vu­to i fon­di provin­ciali, pre­sen­ti ieri in Bro­let­to, non hanon nascos­to la loro sod­dis­fazione. Dei sei isti­tu­ti solo il «Pio ricovero Inabili al lavoro» di Cas­tenedo­lo (che ave­va subito dan­ni di lieve entità) non è anco­ra inter­venu­to nel­la ristrut­turazione, che ver­rà comunque por­ta­ta a ter­mine entro il 2006. Qui i dan­ni (10mila euro) ver­ra­no com­ple­ta­mente ris­arci­ti dal con­trib­u­to provin­ciale). Diec­im­i­la euro anche alle res­i­den­ze di Sab­bio Chiese, Rez­za­to, e Toscolano, che han­no subito dan­ni di lieve entità. Alla casa di riposo di Roè Vol­ciano, i cui lavori di ristrut­turazione era­no ter­mi­nati poco pri­ma del ter­re­mo­to, ver­ran­no stanziati 20milaeuro, vis­to che il sis­ma ha provo­ca­to dan­ni per 45mila euro. E’ sta­ta la res­i­den­za per anziani di Salò ad avere subito i dan­ni mag­giori (ben 353mila euro) e ad avere di con­seguen­za ottenu­to i mag­giori finanzi­a­men­ti (40mila euro). E’ qui che gli anziani ospi­ti han­no subito i dis­a­gi mag­giori dovu­ti al traslo­co in altre strut­ture per per­me­t­tere i lavori di mes­sa in sicurez­za. Traslo­co che è sta­to reso pos­si­bile gra­zie alla preziosa col­lab­o­razione e all’opera di volon­tari­a­to del locale grup­po . «L’attenzione del­la Provin­cia nei con­fron­ti delle case di riposo — ha chiu­so l’assessore Mini­ni — non si limi­ta all’erogazione dei fon­di per la ristrut­turazione. Sono in pro­gram­ma anche inter­ven­ti per miglio­rare la qual­ità del­la vita degli ospiti».

Parole chiave: -