A Castel Goffredo tornano le bancarelle di “Libri sotto i portici” e il cibo di strada sarà il Tortello amaro

07/09/2014 in Attualità
Di Luigi Del Pozzo

Domeni­ca 7 agos­to, in quel di Cas­tel Gof­fre­do, “Lib­ri sot­to i por­ti­ci” si resti­tu­isce ai bib­liofili, dopo la pausa d’agos­to, e lo fa affi­an­can­do alle cen­to e pas­sa ban­car­elle che han­no incoro­na­to il mer­ca­to come il più affol­la­to d’Eu­ropa, la con­sue­ta attrazione gas­tro­nom­i­ca. Che, per l’oc­ca­sione, sarà inter­pre­ta­ta da un piat­to che, local­mente, più clas­si­co non si può. Ovvero il tortel­lo amaro che, nel­lo spir­i­to del “cibo da stra­da” che sta con­trasseg­nan­do, mese dopo mese, questo 2014, sarà pro­pos­to a mo’ di spiedi­no. Tema di set­tem­bre per “Lib­ri sot­to i por­ti­ci”, “Pic­cole patrie”, come dire che il pri­mo piano sulle ban­car­elle sarà dato alla sto­ria locale, a quel­la di Man­to­va e del­l’Al­to Man­to­vano in prim­is. Ovvi­a­mente ci saran­no, come sem­pre, migli­a­ia di altri volu­mi di ogni genere.

Nel­la domeni­ca castel­lana sarà anche pos­si­bile godere, sen­za preno­tazione, del­la visi­ta a “la Chiesa di San­t’Eras­mo e il suo Tesoro”: ci si tro­va alle 14,30 davan­ti alla chiesa. Un’al­tra visi­ta in pro­gram­ma riguar­da tut­ta Cas­tel Gof­fre­do, anche in ques­ta caso non c’è bisog­no di preno­tazione e l’inizio è alle 14,30 in piaz­za Mazz­i­ni.