Placidi chiede un consiglio comunale per l'ospedale

Castiglione, a rischio l’unità coronarica

Di Luca Delpozzo
Germano Bignotti

«Il des­ti­no del­l’ospedale di Cas­tiglione è sta­to seg­na­to, ma noi lot­ter­e­mo per fare sì che non ven­ga defrau­da­ta la popo­lazione di servizi impor­tan­tis­si­mi. Per questo chiedi­amo a gran voce e con urgen­za la con­vo­cazione di un con­siglio comu­nale aper­to sul­la san­ità». Il pres­i­dente del comi­ta­to per la sal­va­guardia delle strut­ture ospedaliere del­l’Al­to Man­to­vano Luca Placi­di tor­na allo scop­er­to per com­mentare le indis­crezioni di cui è venu­to a conoscen­za il comi­ta­to sul­l’ospedale. «Pare cer­to che il prog­et­to degli Ospedali Riu­ni­ti vada avan­ti a gran­di pas­si e che il pre­sidio di Cas­tiglione, come gli altri per­iferi­ci, sia des­ti­na­to a sparire, o almeno a ridur­si. L’u­nità coro­nar­i­ca non par­tirà più — ha det­to Placi­di — così come il Dea e la nuo­va ala. Questo sig­nifi­ca spre­co di denaro pub­bli­co: fino a tre mesi fa si è investi­to per lo svilup­po, men­tre ora si smo­bili­ta, met­ten­do a ris­chio la pre­sen­za del per­son­ale ospedaliero e cre­an­do una cat­a­strofe per il ter­ri­to­rio». E Placi­di promette alcune inizia­tive popo­lari: «Le scelte che sono state fat­te e che pare siano ormai irri­n­un­cia­bili — ha spie­ga­to — van­no diret­ta­mente con­tro la legge 31 del 1997 (quel­la che isti­tu­i­va i pre­si­di e che ne pro­pone­va il poten­zi­a­men­to) e con­tro il pieno tri­en­nale approva­to. Questo è sicu­ra­mente una scelta penal­iz­zante per Cas­tiglione e total­mente sbagli­a­ta. Di questo scem­pio — ammonisce — ci saran­no riper­cus­sioni ad ogni liv­el­lo, anche ammin­is­tra­ti­vo e politi­co. Il ris­chio è quel­lo di una vera e pro­pria soll­e­vazione popo­lare: il bilan­cio degli ospedali non si risana con un colpo di spugna di pochi giorni e, tan­tomeno, costru­en­do una cat­te­drale che las­cia nel deser­to la per­ife­ria. Chiedi­amo quin­di con urgen­za, la con­vo­cazione di un con­siglio comu­nale aper­to a Cas­tiglione, nel quale siano invi­tati i ver­ti­ci del Poma e dicano che cosa inten­dono fare per il futuro a Castiglione».