La zona della Pirossina e la Cava del Pirata non verranno inserite nel piano cave che è in corso di predisposizione dalla Provincia di Mantova

Castiglione, la Provincia conferma «Pirossina esclusa dal piano cave»

Di Luca Delpozzo
Germano Bignotti

La zona del­la Pirossi­na e la Cava del Pira­ta non ver­ran­no inserite nel piano cave che è in cor­so di pre­dis­po­sizione dal­la Provin­cia di Man­to­va. Ad annun­cia­re ques­ta notizia, al ter­mine del­l’in­con­tro che han­no avu­to nel­la gior­na­ta di ieri, sono sta­ti Mau­r­izio Sali, l’asses­sore provin­ciale, e David Beruf­fi, l’asses­sore del comune di Cas­tiglione, com­pe­ten­ti in mate­ria di ecolo­gia e di ter­ri­to­rio. Insieme a loro, in quel­la riu­nione, a rap­p­re­sentare la provin­cia c’era anche l’ar­chitet­to Leoni. L’in­con­tro svoltosi ieri è segui­to alla notizia del pos­si­bile inser­i­men­to del piano cave del­la Pirossi­na. A lan­cia­re l’al­larme, la scor­sa set­ti­mana, era sta­to il pres­i­dente del comi­ta­to antidis­car­i­ca di Cas­tiglione Gio­van­ni Tosi. A segui­to di quel­la usci­ta, l’am­min­is­trazione comu­nale di Cas­tiglione e quel­la provin­ciale si era­no sen­tite ed ave­vano fis­sato l’in­con­tro svoltosi ieri. Al ter­mine ne è sca­tu­ri­ta una notizia migliore di quel­la che ci si atten­de­va: infat­ti, oltre alla zona del­la Pirossi­na, pare cer­ta l’esclu­sione com­ple­ta dal piano cave anche del­la Cava del Pira­ta. A rias­sumere i trat­ti del­la riu­nione è l’asses­sore di Cas­tiglione David Beruf­fi: «E’ sta­to un ver­tice decisa­mente costrut­ti­vo e dal­l’e­si­to pos­i­ti­vo. Quan­to era sta­to det­to le scorse set­ti­mane era il frut­to prob­a­bil­mente di equiv­o­ci, che comunque ho chiar­i­to con la disponi­bil­ità del­l’asses­sore Sali e dei suoi fun­zionari. Io ho con­seg­na­to alla Provin­cia il prog­et­to del par­co sporti­vo del­la Pirossi­na e per tut­ta rispos­ta mi sono sen­ti­to con­fer­mare dal­l’asses­sore Sali che quel­la zona non ver­rà asso­lu­ta­mente inseri­ta nel prossi­mo piano cave. Anche l’ar­chitet­to Leoni, il diri­gente provin­ciale pre­pos­to, ha dato la pro­pria con­fer­ma, affer­man­do inoltre che il prog­et­to del par­co sporti­vo, così come è sta­to pre­sen­ta­to, andrà inser­i­to anche nel piano ter­ri­to­ri­ale di coor­di­na­men­to provin­ciale, in quan­to di inter­esse sovra­co­mu­nale. Inoltre — ha con­clu­so Beruf­fi — anche un altro aspet­to è sta­to trat­ta­to insieme a Sali e Leoni, quel­lo del­la Cava del Pira­ta. Anche in questo caso la provin­cia si è dimostra­ta atten­ta alle nos­tre esi­gen­ze ed ha con­fer­ma­to che intende man­ten­erne la des­ti­nazione ad area da assoggettare a bonifi­ca, così come anche la Regione ave­va stabilito».

Nessun Tag Trovato

Commenti

commenti