Gli antichi sapori da assaggiare in cinque locali fino al 9 novembre

Castiglione: la tipicità è nel piatto

Di Luca Delpozzo
Claudia Ziliani

La gas­trono­mia è una for­ma di cul­tura, un’arte che arric­chisce ed esalta le carat­ter­is­tiche di un deter­mi­na­to ter­ri­to­rio. I aiu­tano a com­pren­dere l’am­bi­ente, la sua sto­ria e anche la psi­colo­gia di una ter­ra e del­la gente che ci vive. Pro­prio da queste con­sid­er­azione nasce l’ap­pun­ta­men­to enogas­tro­nom­i­co di Cas­tiglione delle Siviere, giun­to alla sec­on­da edi­zione. Dal 12 otto­bre al 9 novem­bre nelle ser­ate di domeni­ca, lunedì, mart­edì, mer­coledì e giovedì, sarà pos­si­bile risco­prire gli antichi sapori che ver­ran­no pro­posti dalle cinque trat­to­rie che aderiscono all’inizia­ti­va a cura del­la Pro loco. La man­i­fes­tazione gode del patrocinio del­la Regione, del­la Provin­cia di Man­to­va, del­la , di Slow Food. La pre­sen­tazione è in pro­gram­ma domeni­ca 12 otto­bre alle 18.30 al inter­nazionale del­la Croce Rossa di Cas­tiglione (via Garibal­di 50). Nei cinque ris­toran­ti inser­i­ti nel cir­cuito del­l’ap­pun­ta­men­to enogas­tro­nom­i­co sarà pos­si­bile degustare alcu­ni dei piat­ti che han­no fat­to la sto­ria del­l’en­troter­ra garde­sano. Dai salu­mi misti con polen­ta e funghi, ai tortel­li di zuc­ca o alle erbette amare, ai cason­cel­li di pane, alla vel­lu­ta­ta di zuc­ca per pas­sare al coniglio al limone, allo stra­cot­to d’asi­no e di cav­al­lo, allo stin­co di maiale, al luc­cio in sal­sa. Non pote­va man­care la clas­si­ca tor­ta di mele, la delizia di pere con amaret­ti e cioc­co­la­to fondente e la tor­ta man­to­vana con pino­li e man­dor­le servi­ta con zabaione cal­do. Per i menù bisogna però riv­ol­ger­si alle sin­gole strut­ture di ris­torazione: Trat­to­ria San­ta Maria, via S. Maria (menù: 29 euro) tele­fono 0376/638340; Oste­ria da Pietro, via Chi­as­si tele­fono 0376/673718 (menù: 40 euro); Hos­te­ria Vio­la, via Ver­di 32 tele­fono 0376/670000 (menù: 34 euro); Nuo­va Tav­er­na Gon­za­ga, via Ordani­no 7, tele­fono 0376/630597 (menù: 30 euro); ris­torante Il Grap­po­lo d’Oro, via Ver­di 32, tele­fono 0376/630351 (menù: 35 euro).