Dodici miliardi di opere pubbliche: è questo il considerevole ed ambizioso programma che ha illustrato per il prossimo anno l'assessore ai lavori pubblici di Castiglione Innocente Sereni

Castiglione stanzia dodici miliardi in opere pubbliche

Di Luca Delpozzo
Germano Bignotti

Dod­i­ci mil­iar­di di opere pub­bliche: è questo il con­sid­erev­ole ed ambizioso pro­gram­ma che ha illus­tra­to per il prossi­mo anno l’asses­sore ai lavori pub­bli­ci di Cas­tiglione Inno­cente Sereni, durante l’ul­ti­mo con­siglio comu­nale. L’asses­sore, in occa­sione del­l’ap­provazione del bilan­cio di pre­vi­sione, ha illus­tra­to il piano annuale delle opere pub­bliche e l’e­len­co tri­en­nale dei lavori. Nel­la sua relazione l’asses­sore ha spie­ga­to come si sia cer­ca­to, nel­l’am­bito delle disponi­bil­ità del bilan­cio di Cas­tiglione, di met­tere mano a tut­ti quegli inter­ven­ti che era­no sta­ti antic­i­pati in sede di pro­gram­ma. L’opera di mag­giore rilie­vo, sia politi­ca­mente che eco­nomi­ca­mente, sarà la real­iz­zazione del cen­tro polisporti­vo alla Pirossi­na, che dovrebbe essere il coro­n­a­men­to del­la battaglia antidis­car­i­ca, costerà 1 mil­iar­do e 900 mil­ioni. Imme­di­ata­mente a ruo­ta spic­ca la ristrut­turazione del­l’ex asi­lo Mengh­i­ni, che impeg­n­erà l’am­min­is­trazione per 1200 mil­ioni, anche se per ques­ta opera è sta­to chiesto un con­trib­u­to Frisl. Per quan­to con­cerne le aree Pip e Peep sono sta­ti pre­visti un mil­iar­do per cias­cu­na. Molto cor­posi anche gli inter­ven­ti nel set­tore delle infra­strut­ture di servizio: 500 mil­ioni per la medi­ate­ca, 700 per la palestra di Goz­zoli­na, 600 per la palestra di Belvedere, 500 per la manuten­zione stra­or­di­nar­ia delle strade. Per il verde pub­bli­co e l’arredo urbano, da seg­nalare la passerel­la di viale Boschet­ti (300 mil­ioni), le aree ver­di 8500 mil­ioni), i col­lega­men­ti da piaz­za­le Olimpo (250 milioni).Un plau­so alle scelte fat­te è sta­to man­i­fes­ta­to dal vicesin­da­co ed asses­sore alla cul­tura Giuseppe Bertoli, il quale ha det­to come, per la pri­ma vol­ta, si sia pre­vis­to un organ­i­co inter­ven­to di manuten­zione alle scuole. Bertoli ha anche sot­to­lin­eato la parte­ci­pazione del comune, con 300 mil­ioni, alla costruzione del nuo­vo audi­to­ri­um per il Liceo Gon­za­ga. Tra col­oro che, dai banchi del­la mino­ran­za, han­no com­men­ta­to il piano opere pub­bliche, alcu­ni han­no sot­to­lin­eato come molti inter­ven­ti cor­posi siano sta­ti pre­visti per l’an­no 2002 e 2003, anni che saran­no rispet­ti­va­mente a cav­al­lo e dopo le prossime elezioni ammin­is­tra­tive. Tra queste spic­cano le manuten­zioni stra­or­di­nar­ie alla , la real­iz­zazione di aree ver­di, la real­iz­zazione di per­cor­si cicla­bili e pedonali, opere Pip e Peep. Lo stes­so asses­sore Sereni ha spie­ga­to che il piano tri­en­nale sarà suscettibile di vari­azioni con­sid­erevoli, pro­prio anche in fun­zione di even­tu­ali future scelte amministrative.