Castiglione, via al recupero dell’ex asilo Menghini

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
e.b.

Sono iniziati i lavori di ristrut­turazione del­l’ex Asi­lo Mengh­i­ni, l’ed­i­fi­cio che si affac­cia su via Cesare Bat­tisti e che per anni ha ospi­ta­to ogni giorno i bam­bi­ni cas­tiglione­si. L’opera, pro­gram­ma­ta dal­l’am­min­is­trazione comu­nale, costerà 1 mil­iar­do e 200mila lire, e sarà finanzi­a­ta con l’e­mis­sione di buoni obbligazionari, i cosid­det­ti Boc. L’asses­so­ra­to ai lavori pub­bli­ci, guida­to da Inno­cente Sereni, ha deciso di real­iz­zare il restau­ro del palaz­zo in modo spar­tano, lim­i­tan­do al min­i­mo gli inter­ven­ti, sia per motivi di rispet­to dei suoi carat­teri stori­ci, sia per con­tenere le spese. L’u­ni­ca mod­i­fi­ca sig­ni­fica­ti­va riguarderà l’in­stal­lazione di un ascen­sore tra i diver­si piani del­lo sta­bile, oltre al rifaci­men­to degli impianti elet­tri­co, fog­nario, idrauli­co e anti­ncen­dio. E’ pre­vista la tin­teggiatu­ra inter­na ed ester­na con i col­ori originari.Oltre all’ab­bat­ti­men­to di alcune tramezze ed altre miglior­ie nei saloni del­l’ex asi­lo, lavori saran­no effet­tuati all’ester­no, per esem­pio l’ac­ces­so dal retro per i dis­abili, men­tre la sis­temazione del gia­rdi­no e del­la recinzione saran­no affrontati in un sec­on­do momen­to. La deci­sione di met­tere mano al palaz­zo, oltre che per motivi stori­ci e affet­tivi legati alla pre­sen­za per decen­ni di un asi­lo infan­tile, è da ricon­durre al val­ore architet­ton­i­co ed artis­ti­co del­lo sta­bile: esso fu real­iz­za­to all’inizio del Nove­cen­to, e cos­ti­tu­isce tut­to­ra un esem­pio di edi­fi­cio lib­er­ty, stile che si ritro­va anche nei ser­ra­men­ti, nelle cor­ni­ci esterne e nel­la por­ta d’ac­ces­so. La sua agi­bil­ità, poi, con­sen­tirà di real­iz­zare in loco le mostre d’arte, liberan­do da tale incomben­za il piano ter­ra di palaz­zo Pas­tore. Così la strut­tura di via Ascoli, che ospi­ta la , potrà avere gli spazi nec­es­sari per la nuo­va medi­ate­ca mes­sa in cantiere dal­la giunta.Una pri­ma tranche è già nel prossi­mo bilan­cio, ma, come ha spie­ga­to più volte l’asses­sore Bertoli, saran­no stanzi­ate ulte­ri­ori risorse per ampli­are i servizi mul­ti­me­di­ali nelle sale che ora ven­gono sfrut­tate per le esposizioni.

Parole chiave: