Cavion premia i suoi “Sportivi dell’anno”

21/12/2015 in Attualità
Di Redazione

Si è svol­ta in Sala Tur­ri, nel­la cor­nice di Corte Tor­co­lo, la pri­ma edi­zione di ‘Sportivi dell’Anno – Cavaion pre­mia i suoi cam­pi­oni’ a cura dell’Assessorato allo Sport del Comune di Cavaion. Pro­prio l’assessore Ange­lo Indel­i­ca­to è sta­to il cer­i­moniere del­la ser­a­ta — con l’apporto di alcu­ni col­leghi — ed ha pri­ma illus­tra­to le attiv­ità sportive del 2015 che han­no vista coin­vol­ta l’amministrazione (SPORTISSIMO CAVAION, SPORTIVAMENTE A SCUOLA, SPORTIVAMENTE SHOW, il patrocinio del 2° Memo­r­i­al Tur­ri – Podis­ti­ca non com­pet­i­ti­va), per poi chia­mare sul pal­co i cinque selezionati:

CAMILLA ZAMBONI

Kart­ing

Dopo essere sta­ta una gio­vane promes­sa del­lo sci Azzur­ro, a causa di un grave infor­tu­nio ha pre­so la via del kart­ing con otti­mi risultati

Pre­mio ‘DNA sporti­vo’ 2015

 

KARIM SARTORI

Auto­mo­bil­is­mo

Cam­pi­one Ital­iano Veloc­ità in Sali­ta – Classe E2M 2000

Pre­mio Cam­pi­one ital­iano 2015

 

NICCOLOVARANINI

Ciclis­mo

Miglior ital­iano alla terza Transcon­ti­nen­tal race: dal Bel­gio alla Turchia in bici­clet­ta (4mila chilometri) sen­za assis­ten­za al seguito

Pre­mio Miglior avven­tu­ra 2015

 

ALESSANDRO PIGHI

Cal­cio

Dopo l’incidente in cui ha per­so il brac­cio destro è diven­ta­to portiere del­la Nazionale Ital­iana Ampu­tati ed è tor­na­to — il 6 dicem­bre 2015 — in cam­po con il ’suo’ Cavaion, pri­mo cal­ci­a­tore par­alimpi­co ital­iano in forza ad una squadra di normodotati.

Pre­mio Tena­cia 2015

 

ASDT CAVAION MONTE PERONI

Tam­bu­rel­lo

Cam­pi­oni d’Italia

Cam­pi­oni d’Europa

Vinci­tori Cop­pa Italia

Vinci­tori Supercoppa

Pre­mio Cam­pi­onis­si­mi 2015 riti­ra­to dal pres­i­dente Gui­do Per­oni e da Ange­lo Spezie

Una men­zione spe­ciale è sta­ta asseg­na­ta a ROMEO ANDREOLI, memo­ria stor­i­ca e fonda­tore del tam­bu­rel­lo cavaionese che, gra­zie alla soprac­i­ta­ta squadra di patron Gui­do Per­oni, pro­prio nel 2015 ha rag­giun­to il mas­si­mo tra­guar­do di sempre.