Sei motovedette e un elicottero impegnati nelle ricerche di un turista: lo ritrovano tranquillo al suo camping

«C’è un disperso nel lago». Ma era un falso allarme

30/08/2003 in Avvenimenti
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo

Tec­ni­ca­mente è un fal­so allarme, dici­amo pure un «allena­men­to» fuori pro­gram­ma per il dis­pos­i­ti­vo di emer­gen­za. Ieri sul , le forze dell’ordine han­no dovu­to mobil­itare ben sei motovedette e un eli­cot­tero per cer­care un velista tedesco di 60 anni, fini­to in acqua nel­la zona anti­s­tante Limone in segui­to al rib­al­ta­men­to del­la sua bar­ca. L’uomo, in realtà, è sta­to rac­colto e sal­va­to da un moto­scafista di pas­sag­gio. Niente di grave, insom­ma, almeno per il diret­to inter­es­sato. Se non fos­se che, riguadag­na­ta la ter­ra fer­ma all’insaputa di tut­ti, il tur­ista si è ben guarda­to dall’avvertire chic­ches­sia del ces­sato allarme, men­tre sul lago ci si prodi­ga­va per cer­car­lo. Dopo l’avvistamento del­la sua bar­ca gial­la roves­ci­a­ta e abban­do­na­ta tra Limone e Mal­ce­sine (nes­suna trac­cia dell’uomo) sono soprag­giun­ti l’elicottero dei con le motovede­tee dell’Arma di Salò e di Desen­zano, la , l’equipaggio del­la Finan­za e quel­li del­la e dei Vig­ili urbani di Riva del Gar­da. Uno spie­ga­men­to mas­s­ic­cio, gius­ti­fi­ca­to dall’urgenza di dover sal­vare, come si cre­de­va, la vita di un uomo Invece il tedesco, che indos­sav­va il giub­bot­to sal­vagente, è sta­to trat­to in sal­vo al largo di Mal­ce­sine, sul­la spon­da veronese. Non sa chi sia sta­to il suo sal­va­tore, che gen­tile­mente lo ha riac­com­pa­g­na­to al suo campeg­gio, il Camp­ing Gar­da di Limone, dove lo atten­de­va la moglie e dove lo han­no ritrova­to poco dopo le 17 le forze dell’ordine. A quan­to si è appre­so le sue con­dizioni non sareb­bero gravi, ma a questo pun­to potrebbe scattare una denun­cia per procu­ra­to allarme.

Parole chiave: -