Doppio appuntamento e grande partecipazione, a Desenzano del Garda, in occasione del 72° anniversario della Liberazione italiana: in mattinata al nuovo parco sotto il viadotto e nel pomeriggio in piazza Cappelletti dinanzi al monumento alla Resistenza.

Celebrazioni del 25 aprile tra il nuovo Giardino 15 luglio 1944 e la riqualificata piazza Cappelletti

Parole chiave: -
Iscriviti al nostro canale
Di Redazione

La gior­na­ta del 25 aprile si è aper­ta con l’intitolazione del par­co nel quartiere delle Grezze, in via Bezzec­ca (dinanzi alla tar­ga ricor­do sot­to il viadot­to fer­roviario), ora “Gia­rdi­no 15 luglio 1944”. La data riman­da al bom­bar­da­men­to alleato del viadot­to, even­to tragi­co in cui persero la vita otto civili. Dopo anni di abban­dono, l’area verde di cir­ca 3600 mq in via Bezzec­ca è adesso un “luo­go ritrova­to” di ricor­do e social­ità. Il risul­ta­to è frut­to di un prog­et­to parte­ci­pa­to di riqual­i­fi­cazione urbana, con­di­vi­so con la comu­nità locale e in par­ti­co­lare con i cit­ta­di­ni del quartiere delle Grezze che han­no scel­to la des­ti­nazione dell’area come “spazio di sva­go e relax”. Inizia­ti­va che ha coin­volto lo scor­so anno anche l’Università degli Stu­di di Bres­cia con stu­den­ti del­la facoltà di Ingeg­ne­r­ia civile, architet­tura, ter­ri­to­rio e ambi­ente prove­ni­en­ti da varie par­ti d’Italia.

La com­mem­o­razione del 25 aprile è poi con­tin­u­a­ta, come da pro­gram­ma, con le cel­e­brazioni per la pri­ma vol­ta in piaz­za Cap­pel­let­ti, alla pre­sen­za delle autorità civili, mil­i­tari e reli­giose e sem­pre con la parte­ci­pazione dell’Associazione nazionale par­ti­giani d’Italia e la let­tura di alcune toc­can­ti tes­ti­mo­ni­anze storiche. Dopo l’alzabandiera e la com­mem­o­razione dei cadu­ti, in Duo­mo è sta­ta cel­e­bra­ta la San­ta Mes­sa, al ter­mine del­la quale il cor­teo, accom­pa­g­na­to dalle Asso­ci­azioni d’Arma e dal­la Ban­da cit­tad­i­na, si è diret­to per la depo­sizione delle coro­ne e gli inter­ven­ti delle autorità pres­so il mon­u­men­to al gen. Achille Papa e poi sul lun­go­la­go fino al mon­u­men­to alla Resisten­za. Quest’ultimo, real­iz­za­to da Mario Gat­ti nel 1964, è sta­to di recente val­oriz­za­to nel­la cor­nice rin­no­va­ta di piaz­za Cap­pel­let­ti.

«Abbi­amo scel­to ques­ta piaz­za – ha det­to il sin­da­co Rosa Leso – per­ché qui ha sede il mon­u­men­to alla Resisten­za. Cele­bri­amo oggi il 25 aprile con l’Anpi e ricor­diamo i val­ori del­la lib­ertà e del­la democrazia, val­ori anco­ra oggi in peri­co­lo e che sta a noi sal­va­guardare. La piaz­za, i cui lavori sono iniziati l’ottobre scor­so, sarà ter­mi­na­ta nelle prossime set­ti­mane con l’illuminazione, le pan­chine e la ter­raz­za a lago».

Il sin­da­co ha anche ricorda­to il per­cor­so di riqual­i­fi­cazione del­la piaz­za, volu­to per ricreare un luo­go di vita e social­ità in con­ti­nu­ità con il lago. Tra i vinci­tori del con­cor­so di idee del 2015, il prog­et­to dell’architetto desen­zanese Cris­tiano Maz­zot­ta ave­va col­pi­to la giuria per la riv­is­i­tazione di piaz­za Cap­pel­let­ti, come si legge­va nelle moti­vazioni del pre­mio: “Resa pedonale e con una ‘buca d’acqua’ al cen­tro, che sos­ti­tuirebbe la vec­chia fontana e darebbe più risalto al mon­u­men­to dei cadu­ti; dalle vie del cen­tro si pro­l­un­ga l’idea di ricol­le­gare il con­testo urbano al lago e ren­dere quest’ultimo più fruibile a cit­ta­di­ni e ospi­ti”.

In anni recen­ti la piaz­za era sta­ta des­ti­na­ta a parcheg­gio, ma ora tor­na alla fun­zione orig­i­nar­ia e si rin­no­va, a dis­tan­za di 53 anni, il mes­sag­gio scol­pi­to nel bron­zo: “dalle catene del­la schi­av­itù e del­la soli­tu­dine all’abbraccio del­la sol­i­da­ri­età”.

Il mon­u­men­to di Mario Gat­ti, volu­to dal sin­da­co Lui­gi Lai­ni nel 1963, pur restando nell’attuale sede è sta­to val­oriz­za­to da una fontana cir­co­lare a raso e due zampil­li d’acqua in sos­ti­tuzione dei prece­den­ti, inef­fi­ci­en­ti da ormai vent’anni. 

Nei giorni scor­si aper­tu­ra anche del Par­co Idrosca­lo

 

Parole chiave: -

Commenti

commenti