Forestali, poliziotti e pompieri per contare i pennuti del Garda

Censimento

24/01/2001 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo

Anche una parte del­la squadra nau­ti­ca del com­mis­sari­a­to di Pub­bli­ca Sicurez­za di Riva (che glob­al­mente è com­pos­ta di sette uomi­ni e tre imbar­cazioni; ma sono in vista dei poten­zi­a­men­ti) ha parte­ci­pa­to, lo scor­so week-end, alle annu­ali oper­azioni di cen­si­men­to degli uccel­li sel­vati­ci che sver­nano sul­la spon­da trenti­na del Gar­da. La ver­i­fi­ca del­la popo­lazione di ana­ti­di (ana­tre e affi­ni) è com­pi­to del­la stazione rivana del­l’Is­pet­tora­to Dis­tret­tuale delle Foreste, che per con­to del­la Provin­cia è addet­to al mon­i­tor­ag­gio di questi uccel­li, per capire sia gli equi­lib­ri che regolano la fau­na, sia even­tu­ali seg­nali di inquina­men­to. I fore­stali han­no effe­t­u­a­to il cen­si­men­to sul­la spon­da tra Riva e Tor­bole da ter­ra (si può far­lo agevol­mente); per il trat­to tra Riva e il con­fine con Limone la piloti­na del­la Ps si è resa invece indis­pens­abile, come altret­tan­to prezioso è sta­to il sup­por­to del moto­scafo dei pom­pieri di Riva per l’op­er­azione sul trat­to Tor­bole-Tem­pes­ta. Insom­ma una bel­la col­lab­o­razione che sarà ripetuta