Verranno proposti sette quadri animati Si può parcheggiare lungo la Gardesana

Centinaia di torce per la Via Crucis nel borgo di Biaza

12/04/2001 in Religione
Di Luca Delpozzo
s.j.

Tradizionale appun­ta­men­to a Castel­let­to con la Via Cru­cis del ven­erdì san­to. Sono più di cen­to i ragazzi del­la pic­co­la frazione dell’alto lago impeg­nati ad alle­stire la pro­ces­sione sacra (nel­la foto una delle prece­den­ti edi­zioni) che par­tirà poco dopo le 20.30 dal­la par­roc­chiale per snodar­si fra le carat­ter­is­tiche viuzze del paese, fino a rag­giun­gere l’antico bor­go medievale di Biaza. Poco più di un chilometro e mez­zo per rap­p­re­sentare le stazioni del­la pas­sione di Gesù, sin­te­tiz­za­ta in sette quadri fig­u­ra­tivi. Il tut­to immer­so in un’atmosfera mag­i­ca, rischiara­ta solo dal­la luce delle torce. Per l’occasione, infat­ti, l’illuminazione pub­bli­ca del paese ver­rà spen­ta garan­ten­do un effet­to spe­ciale e un mag­gior rac­cogli­men­to dei fedeli durante la pro­ces­sione. L’iniziativa, che riscuote da anni un grande suc­ces­so, è sta­ta resa pos­si­bile gra­zie all’impegno del Comi­ta­to ami­ci delle bisse con il con­trib­u­to del Comune e il patrocinio di Azien­da di pro­mozione tur­is­ti­ca Riv­iera degli Olivi e Provin­cia di Verona. Con­sid­er­a­ta la mas­s­ic­cia pre­sen­za di gente e soprat­tut­to di tur­isti stranieri (l’anno scor­so furono qua­si trem­i­la i parte­ci­pan­ti alla man­i­fes­tazione) gli orga­niz­za­tori han­no pre­dis­pos­to la let­tura dei testi sac­ri in tedesco e inglese oltre, ovvi­a­mente, all’italiano. A dif­feren­za che in pas­sato, alcu­ni fig­u­ran­ti abban­don­er­an­no le loro postazioni fisse per seguire lun­go il per­cor­so i pel­le­gri­ni gui­dati da don Lui­gi Marogna. La pro­ces­sione ver­rà ani­ma­ta dal coro Anzolin de la tor di Riva del Gar­da. Tra i per­son­ag­gi pro­posti, toc­cherà alla gio­vane Giusy Sabai­ni, di pro­fes­sione vig­i­lessa munic­i­pale a Gar­da, imper­son­are la Madon­na. In caso di piog­gia la man­i­fes­tazione non avrà luo­go. Data la scarsa pre­sen­za di parcheg­gi, la polizia munic­i­pale ha dato il con­sen­so alla sos­ta dei veicoli lun­go la Gardesana.