Da oggi fino all’8 marzo prossimo sarà pericoloso stare sul suo alveo

Centrale chiusa, sale il livello del Sarca

20/02/2009 in Attualità
Di Luca Delpozzo

I tec­ni­ci del­la Hydro Dolomi­ti Enel li definis­cono nor­mali lavori di manuten­zione, ma cer­to la mes­sa fuori servizio dell’impianto idroelet­tri­co di Tor­bole — con tut­ti rif­lessi che ques­ta oper­azione impli­ca — non è cosa fre­quente. Sal­vo impre­visti, la cen­trale dovrebbe restare fer­ma a par­tire da oggi fino all’8 mar­zo prossi­mo con la con­seguente sospen­sione dei pre­lievi di acqua sul fiume Sar­ca dalle opere di pre­sa alle Sarche, a Pietra­mu­ra­ta e a Fies. Acqua che soli­ta­mente viene uti­liz­za­ta nell’impianto e che, invece, nei prossi­mi 15 giorni, aumenterà sen­si­bil­mente i liv­el­li del Sar­ca. In parole povere, la por­ta­ta del fiume potrebbe rap­p­re­sentare un peri­co­lo per chi si trovasse a sostare nell’alveo del cor­so d’acqua. Per questo, nei giorni scor­si, la Hydro Dolomi­ti Enel ha diram­a­to avvisi ai Comu­ni attra­ver­sa­ti dal fiume richia­man­do l’attenzione delle ammin­is­trazioni sul­la situ­azione che si ver­rà a creare nelle prossime due set­ti­mane e sui pos­si­bili peri­coli. La por­ta­ta è des­ti­na­ta a salire notevol­mente tan­to che, in alcu­ni momen­ti, il Sar­ca potrebbe gon­fi­ar­si fino a sfio­rare la quo­ta nat­u­rale di sfioro. «È chiaro — spie­ga un tec­ni­co del­la Hydro Dolomi­ti Enele — che qualche ris­chio lo pos­sono even­tual­mente cor­rere i pesca­tori o gli operai di qualche dit­ta mag­a­ri impeg­na­ta in lavori sul let­to del cor­so d’acqua, lun­go tut­to il trat­to a valle dell’opera di pre­sa in local­ità Sarche, e anche nel canale Rimone di Dro, emis­sario del lago di Cave­dine ver­so il Sar­ca». Non c’è alcun moti­vo d’allarmismo, ma occorre comunque fare atten­zione ed evitare cer­ti comportamenti.Dopo l’8 mar­zo, con la fine del­la manuten­zione e la rimes­sa in servizio dell’impianto di Tor­bole (even­tu­ali mod­i­fiche al cal­en­dario saran­no tem­pes­ti­va­mente comu­ni­cate) la situ­azione del Sar­ca tornerà ad essere quel­la dei giorni scor­si.