La struttura pubblica verrà gestita per 28 anni da Atzwanger e sono previste convenzioni per i residenti. Da febbraio al via i lavori per piscine, saune, idromassaggio e ristoro

Centro acquatico in un anno

12/01/2006 in Attualità
Di Luca Delpozzo
Annamaria Schiano

Un grande cen­tro acquati­co, con pisci­na cop­er­ta e all’aperto, sei vasche per i giochi in acqua e l’idromassaggio, un cen­tro benessere, solar­i­um, fit­ness, saune, bag­no tur­co, snack-bar, pizze­ria e ris­torante, sono gli ele­men­ti prin­ci­pali dell’opera mes­sa in cantiere dall’amministrazione comu­nale e che vedrà il pri­mo colpo di rus­pa ver­so fine feb­braio. «Nel giro di un anno i lavori saran­no con­clusi», annun­cia il sin­da­co Davide Bendinel­li, che non nasconde la sod­dis­fazione per aver por­ta­to a ter­mine un iter tor­tu­oso e dif­fi­cile. «È sta­ta una pro­ce­du­ra lun­ga, det­ta­ta dal sis­tema di finanzi­a­men­to del proiect-financ­ing, ma siamo al giro di boa, anco­ra qualche pas­sag­gio per l’esame dei prog­et­ti esec­u­tivi e poi par­ti­ran­no i lavori di un impianto nata­to­rio che sarà all’avanguardia e tra i migliori d’Italia». «La dit­ta che si è aggiu­di­ca­ta l’opera è la Atzwanger», sot­to­lin­ea Bendinel­li, «la stes­sa che ha real­iz­za­to il nuo­vo cen­tro ter­male di Mer­a­no e che sta real­iz­zan­do le terme a Cisano. È un’impresa leader nel set­tore, riconosci­u­ta in tut­ta Europa e che solo in Ger­ma­nia ha costru­ito il 70 per cen­to delle piscine». Con la soci­età, l’amministrazione ha siglato una con­ven­zione: il Comune ha dato 17.500 metri qua­drati di ter­reno e due mil­ioni e 700 mila euro; il pri­va­to investe otto mil­ioni per real­iz­zare l’impianto, che poi gestirà per 28 anni. La pro­pri­età rimane al Comune e alla sca­den­za anche la ges­tione tornerà all’ente locale. «È un servizio che diamo alla comu­nità e che sarà anche di grande richi­amo tur­is­ti­co. È sti­ma­ta un’utenza su un baci­no con rag­gio di 35 chilometri e per i res­i­den­ti abbi­amo con­corda­to con la soci­età l’applicazione di tar­iffe agevolate», pre­cisa Bendinel­li. L’impianto acquati­co andrà a com­pletare il cen­tro sporti­vo di local­ità Ris­are, sit­u­a­to sul­la destra del­la stra­da che con­duce a Coster­mano, dove sono appe­na sta­ti ulti­mati anche il cen­tro ten­nis, con quat­tro campi, e il nuo­vo cam­po sporti­vo in erba sin­tet­i­ca. L’amministrazione ha anche stanzi­a­to cinque­cen­tomi­la euro per la real­iz­zazione di un parcheg­gio, che andrà a servire l’intera area sporti­va. Il cen­tro acquati­co è com­pos­to da un edi­fi­cio con piano inter­ra­to, piano ter­ra e pri­mo piano, che si svilup­pa su una super­fi­cie di 5.250 metri quadri, con al cen­tro una grande cupo­la in vetro e acciaio, alta 16 metri e mez­zo, con diametro di 38 metri. Intorno all’edificio è pre­vis­to un par­co di set­temi­la metri quadri. Le piscine copri­ran­no un’area di 1.250 metri quadri e i parcheg­gi altri 3.250. La pisci­na cop­er­ta all’interno del­la cupo­la è lun­ga 25 metri e sarà attrez­za­ta con idro­mas­sag­gi, tor­rente arti­fi­ciale, get­ti d’acqua alla nuca e lat­er­ali, aria dal fon­do, sdraio e panche sott’acqua, cas­cate e sarà col­le­ga­ta ad una vas­ca cir­co­lare con una venti­na di posti a sedere sem­pre con idro­mas­sag­gio. Ci sarà inoltre un repar­to baby con tre vasche cir­co­lari comu­ni­can­ti, con acqua pro­fon­da da 15 a 30 cm. Dal­la cupo­la la pisci­na cop­er­ta andrà a col­le­gar­si, con un acces­so diret­to, a un’altra vas­ca ester­na di 180 metri quadri, con acqua a 34 gra­di e sala­ta, con 13 get­ti con­tinui e idro­mas­sag­gio. Nell’area ester­na al cen­tro, inoltre, sarà real­iz­za­ta una pisci­na di 703 metri qua­drati, 35 metri di lunghez­za, des­ti­na­ta in parte all’attività sporti­va e l’altra metà all’ attiv­ità ricre­ati­va, sem­pre con cas­ca­tine e tor­rente, get­ti d’acqua e idro­mas­sag­gi. Vici­no anche una pisci­na per bam­bi­ni di 75 metri quadri. L’impianto prevede nell’edificio cop­er­to anche la zona saune, che si svilup­pa su mille metri quadri e ha pre­viste otto tipolo­gie diverse di sauna e bag­ni turchi. In fian­co alle saune sarà costru­i­ta la zona servizi e spoglia­toi e in direzione dell’ingresso dell’edificio si tro­ver­an­no il bar e il ris­torante, quest’ultimo con una sala con­sumazioni di oltre 400 metri quadri e una ter­raz­za ester­na di 470 metri quadri. Infine ci sarà una palestra di 600 metri quadri per il fit­ness con un ampio ter­raz­zo ester­no, sopra sarà col­lo­ca­to il solar­i­um. Il cen­tro sarà com­ple­ta­to con repar­ti beau­ty e un med­ical cen­ter. I servizi che l’impresa intende atti­vare sono attiv­ità in acqua di vario genere: gin­nas­ti­ca, rilas­sa­men­to, cor­si per bam­bi­ni, attiv­ità pre e post par­to, cor­si di nuo­to indi­vid­u­ali e di grup­po per tutte le età, attiv­ità ago­nis­tiche, riabil­i­tazioni moto­rie, attiv­ità per la terza età, cor­si per scuole, comu­ni e enti, con l’idea di creare un ambi­ente nata­to­rio arric­chi­to da cen­tri benessere, ludi­co-moto­rio e ricre­ati­vo per per­sone di tutte le età.