L’opera realizzata in project financing costa 11 milioni, l’impianto sarà gestito da Atzwanger spa

Centro piscine in ritardo. Salta l’apertura estiva

23/02/2008 in Attualità
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
Annamaria Schiano

Il più grande cen­tro piscine del Vene­to sbal­la i tem­pi di costruzione e così salta l’apertura per l’estate. «La soci­età costrut­trice, Atzwanger spa, è in ritar­do di due mesi sul­la con­seg­na dei lavori», spie­ga il sin­da­co Davide Bendinel­li, «per­ché ci sono sta­ti degli intop­pi sia in fase di prog­et­tazione che di real­iz­zazione. Pri­ma per met­tere a pun­to prog­et­ti e reperire i finanzi­a­men­ti per un’opera da 11 mil­ioni di euro non è sta­to facile». «Poi», pros­egue il sin­da­co, «in fase di costruzione, quan­do si sono svolte le prove geo­logiche, si è trova­to l’acqua nel sot­to­suo­lo. Questo ha por­ta­to i tec­ni­ci a dover rifare i cal­coli del cemen­to arma­to e a dover rin­forzare le fon­dazioni, con spese aggiun­tive. Comunque, vista l’entità dell’opera, un ritar­do di 2–3 mesi è un tem­po accettabile».Pochi mesi di ritar­do che però coin­ci­dono con quel­li più usufruibili del peri­o­do esti­vo: il cen­tro infat­ti dove­va aprire tra mag­gio e giug­no, gius­to in tem­po per la sta­gione cal­da, invece aprirà non pri­ma di in autun­no, si par­la di set­tem­bre o al più tar­di ottobre.I cit­ta­di­ni sono rimasti così all’asciutto per l’estate. Nel frat­tem­po le opere esterne al cen­tro nata­to­rio, come il parcheg­gio con 200 posti auto e la revi­sione del­la via­bil­ità, che per con­ven­zione dove­vano essere real­iz­zate dal Comune, sono già state ulti­mate da parec­chi mesi. Come dire: è tut­to pron­to, man­ca solo il taglio del nas­tro, che all’inizio sem­bra­va addirit­tura pre­vis­to per 2007, poi rimanda­to a mag­gio 2008 ed ora rin­vi­a­to all’autunno.La posa del­la pri­ma pietra del com­p­lesso è avvenu­ta il 21 novem­bre 2006 e i lavori dove­vano durare com­p­lessi­va­mente poco più di un anno, invece se non ci saran­no ulte­ri­ori sor­p­rese si con­clud­er­an­no dopo due anni.«L’impianto», sot­to­lin­ea Bendinel­li, «andrà a com­pletare il cen­tro sporti­vo di local­ità Ris­are, dove attigui ci sono anche due campi da cal­cio, uno da cal­ci­et­to e quat­tro campi da ten­nis, di cui due cop­er­ti». «Il cen­tro piscine, tra i più impor­tan­ti del Nord-Italia, andrà così a com­pletare l’offerta tur­is­ti­co sporti­va all’intero baci­no del -Gar­da. L’attesa, anche se pro­l­un­ga­ta di qualche mese, in fon­do vale il sac­ri­fi­cio», chi­ude il sindaco.L’opera viene real­iz­za­ta in financ­ing-project, dal cos­to di 11 mil­ioni di euro, di cui 8 mil­ioni e 300 mila euro a cari­co del­la dit­ta bolzan­i­na spe­cial­iz­za­ta in costruzioni di piscine, che ha già real­iz­za­to oltre 600 impianti in tut­ta Europa; 2 mil­ioni e 700 mila euro invece sono sta­ti finanziati dal comune di Gar­da, che mantiene la pro­pri­età dell’impianto ma cede la ges­tione per 28 anni alla Atzwanger spa.Il prog­et­to si sno­da su una super­fi­cie di 17.500 metri qua­drati, con al cen­tro una grande cupo­la in vetro ed acciaio, alta 16,5 metri e dal diametro di 38. Al suo inter­no una pisci­na lun­ga 25 metri e tre vasche baby. La pisci­na cen­trale si col­le­ga con un cor­so d’acqua ad un’altra vas­ca ester­na di 180 metri qua­drati, riscal­da­ta a 34 gra­di e con acqua sala­ta, che per­me­t­terà di nuotare all’aperto anche durante i mesi invernali.Fuori dal cupolone, nel par­co di set­temi­la metri qua­drati, un’altra grande pisci­na di 700 metri qua­drati per una lunghez­za di cir­ca 35 metri, des­ti­na­ta in parte ad attiv­ità sportive e in parte ad attiv­ità ricre­ative. Attigua anche una pisci­na per bam­bi­ni di 75 metri. Le piscine copri­ran­no un’area di 1.250 metri quadrati.Il cen­tro nata­to­rio com­prende inoltre, nell’edificio col­le­ga­to al cupolone, una zona saune di 1.000 metri qua­drati con otto tipolo­gie di sauna diverse e bag­ni turchi. Poi la zona servizi, bar e ris­torante, con una sala di oltre 400 metri e una ter­raz­za ester­na di 470.È inoltre pre­vista nel prog­et­to la real­iz­zazione di una palestra di 600 metri quadri, dota­ta anche di un ter­raz­zo ester­no. Sopra l’area fit­ness ver­rà real­iz­za­to il solar­i­um. Il cen­tro nata­to­rio sarà attrez­za­to inoltre anche con repar­ti beau­ty e con un med­ical cen­ter. La con­ven­zione stu­di­a­ta tra il Comune di Gar­da e la soci­età costrut­trice Atzwanger spa che gestirà l’intera strut­tura, prevede l’istituzione di prezzi agevolati per i res­i­den­ti.

Parole chiave: -