A Centenaro di Lonato, martedì 8 agosto, alle ore 21

C’era una volta: Spettacolo di giocoleria e acrobazie aeree

Parole chiave:
Di Luigi Del Pozzo

La pioggia aveva rovinato la bella anteprima di “Lonato in Festival” organizzata a Centenaro di Lonato domenica 30 luglio.

Inserito nel programma estivo “Stelle su Lonato”, rassegna organizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Lonato, lo spettacolo dei due artisti argentini si era interrotto dopo poche decine di minuti.

Dopo le quattro serate al festival in Rocca – che anche quest’anno ha visto la presenza di più di 10.000 spettatori – Brunitus e Ninia Grisito hanno deciso di fermarsi ancora qualche giorno a Lonato per regalare al pubblico di Centenaro che era comunque giunto numeroso quella sera una replica delle loro esibizioni.

Lo spettacolo “C’era una volta” inizia con un libro antico… pieno di segreti.

Segreti che parlano di come immagazzinare le storie affinché non siano mai dimenticate. La terra che calpestiamo e abitiamo, la famiglia, gli amici, l’infanzia e le rughe della pelle; i desideri, le paure, le passioni. Siamo combinazioni infinite di ciò che siamo stati, di quello che sogniamo, di quello che ci circonda e dell’istante.

La missione del protagonista di questa storia è abbracciare tutte le storie, esserne parte e lo strumento per compiere questa missione è il “Diabolo” uno dei più noti e difficili strumenti di giocoleria circense.

Il diabolo gira e vola, come le storie. Il nostro personaggio, lancia attraverso il diabolo, le storie che raccoglie. Le lancia all’universo. Libro, personaggio e diabolo sono un unicum e viaggiano sempre assieme, con la stessa missione: andare per il mondo ad ascoltare storie, a raccontare storie.

Con Brunitus – a raccogliere storie e far volare la fantasia – c’è Ninia Grisito una fanciulla coi capelli selvaggi e lo sguardo affettuoso, che in altezza affronta il suo percorso, che tenta di crescere intrecciando e disincastrando sentieri nell’aria per trovare il suo posto nel mondo con uno spettacolo di acrobazie aeree.

Parole chiave:

Commenti

commenti