Sabato sera a Lonato il «verdetto»

Chiaretto dell’anno. Ecco i tre «finalisti»

27/03/2008 in Enogastronomia
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
SE.ZA.

Saba­to sera, dalle 19.45 in poi, nel­la cor­nice carat­ter­is­ti­ca del ris­torante «La spia d’Italia» di Lona­to, ver­rà scel­to il miglior del 2007. Un verdet­to molto atte­so sia dai pro­dut­tori sia dai tan­ti cul­tori di questo stra­or­di­nario e pecu­liare benacense,Le can­tine che han­no deciso di sot­to­porre al giudizio dei «Castel­lani» (la Con­fra­ter­ni­ta ded­i­ca­ta al Chiaret­to, ora pre­siedu­ta da Amedeo Maria Cor­so, fes­teggia i 30 anni) sono sta­vol­ta ben ven­ti, cifra ton­da, tre in più del 2007.Anche questo è una dimostrazione che il tito­lo asseg­na­to in maniera dis­in­ter­es­sa­ta, con imparzial­ità e pro­fes­sion­al­ità, è sem­pre più ambito dai pro­dut­tori del territorio.Nei giorni scor­si la com­mis­sione ristret­ta, gui­da­ta da Ennio Avi­go e da un enotec­ni­co ester­no alla Con­fra­ter­ni­ta, ha effet­tua­to una pre­se­lezione, esam­i­nan­do i cam­pi­oni per­venu­ti, tut­ti di liv­el­lo par­ti­co­lar­mente alto.Alla fine la com­mis­sione ha scel­to i tre cam­pi­oni: Avanzi di Maner­ba, Com­in­ci­oli di Pueg­na­go e Turi­na di Moni­ga, in rig­oroso ordine alfa­beti­co. Saba­to, nel­la finalis­si­ma, fra i tre ver­rà scel­to il «super­big» da incoronare come «Chiaret­to dell’anno» per il 2007.

Parole chiave: -

Commenti

commenti