Chiude la Bocciofila di Lazise

10/11/2018 in Attualità
Parole chiave:
Di Sergio Bazerla

Dopo trentac­inque anni di ono­ra­to servizio anche la Boc­ciofi­la Lazise si arrende e chi­ude i bat­ten­ti. Una chiusura per così dire obbli­ga­ta per­ché a tirare le fila del sodal­izio sono rimasti in pochi se non uno sola­mente, il pres­i­dente Bruno Crestani che di anni ne con­ta più di ottanta.Ci sono anco­ra dei gio­ca­tori ma il coor­di­na­men­to, più che mai nec­es­sario si è assot­tiglia­to fino al lumi­ci­no.

Ma in trentac­inque anni oltre ad aver gio­ca­to molto e con ottime sod­dis­fazioni la Boc­ciofi­la Lazise è rius­ci­ta a met­tere da parte un gruz­zo­lo non indif­fer­ente ed ora lo ha volu­to des­tinare a ben quat­tro asso­ci­azioni di volon­tari­a­to che oper­a­no atti­va­mente sul ter­ri­to­rio.

La notizia l’ha dato il pres­i­dente Bruno Crestani che fin dal­la sua cos­ti­tuzione ha gesti­to con grande pun­tu­al­ità e respon­s­abil­ità il sodal­izio boc­ciofi­lo.

Ho cer­ca­to di gestire l’as­so­ci­azione con il mas­si­mo riguar­do e con la pru­den­za di ogni buon padre di famiglia — ha esor­di­to com­mosso Crestani nel­la cena di addio — per­chè in ques­ta ” famiglia” ho sem­pre cre­du­to. Abbi­amo molto gio­ca­to, abbi­amo avu­to splen­dide affer­mazioni anche su altri campi, ci siamo diver­ti­ti ed abbi­amo cre­ato una grande ami­cizia. La nos­tra pru­den­za nel gestire anche le disponi­bil­ità sociali ci ha con­sen­ti­to di met­tere da parte un bel gruz­zo­let­to che ora, come recita lo statu­to, lo des­tini­amo ad asso­ci­azioni che oper­a­no per il bene delle nos­tre comu­nità. Con tan­ta nos­tal­gia  las­ci­amo i campi da gio­co — ha con­clu­so Crestani — ma con tan­to cuore doniamo a chi sa fare del bene con tan­ta gen­erosità e con altru­is­mo.”

Già in pas­sato gli ami del­la boc­ciofi­la ave­vano dona­to delle somme impor­tan­ti alla onslus San Mar­ti­no in calle, nonchè alla par­roc­chia di Lazise — sot­to­lin­ea il pres­i­dente di AIDO Gio­van­ni Fac­ci­oli — ed ora con una gen­erosità incred­i­bile lo stan­no facen­do ver­so altre realtà. Sem­bra un mira­co­lo ques­ta pag­i­na che sta scriven­do la Boc­ciofi­la di Lazise, ma è una realtà vera e concreta.Più che bravi.”

Benefi­cer­an­no del con­trib­u­to del­la Boc­ciofi­la Lazise l’Amo — Gar­da Miki De Beni che si occu­pa delle cure a domi­cilio per i malati ter­mi­nali, la Nos­tra Casa di San Benedet­to di Lugana fon­da­ta da Don Bruno Pozzetti per i diver­sa­mente abili, Don Achille Boc­ci, già par­ro­co di Lazise ed ora in mis­sione in Ciad con la Con­gregazione dei Save­ri­ani, ed infine alla San Mar­ti­no in Calle per Suor Bruna Imel­da Sabai­ni, la mis­sion­ar­ia lacisiense che opera in Africa che con la San Mar­ti­no ha un filo diret­to da moltissi­mi anni. Ad ognuno ver­rà con­seg­na­to un asseg­no di cinquemi­la euro.

 

Parole chiave: