Notevole numero di presenze – Esperienza positiva anche quest’anno

Chiusi i battenti su Rassegna Antiquaria

16/11/2001 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

Riflet­tori spen­ti su “Rasseg­na Anti­quar­ia” al Cen­tro Fiera del Gar­da di Mon­tichiari (Bres­cia), il grande appun­ta­men­to orga­niz­za­to dal­la Staff Ser­vice di Bres­cia gui­da­ta da Car­lo Miot­to. Questo even­to si è ricon­fer­ma­to anche nell’edizione 2001, come uno più atte­si nel panora­ma fieris­ti­co di set­tore su scala nazionale ed ha potu­to con­tare, nonos­tante il par­ti­co­lare momen­to nazionale, su un costante afflus­so di pub­bli­co sin dall’apertura dei can­cel­li e dall’inaugurazione ufficiale.Elementi, uni­ti all’alta spe­cial­iz­zazione ed al liv­el­lo del­la man­i­fes­tazione, che han­no pre­mi­a­to la for­mu­la di “Rasseg­na Anti­quar­ia”: notev­ole, anche quest’anno, la sod­dis­fazione degli espos­i­tori, per la par­ti­co­lare atten­zione che i vis­i­ta­tori han­no mostra­to nei con­fron­ti delle opere e dei “pezzi” pre­giati pro­posti e per il nutri­to numero di ogget­ti venduti.Carlo Miot­to, ammin­is­tra­tore uni­co di Staff Ser­vice è par­ti­co­lar­mente sod­dis­fat­to: “L’evento si è svilup­pa­to, dal 3 all’11 novem­bre, esat­ta­mente come ave­va­mo pre­vis­to, con notev­ole afflus­so nei due fine set­ti­mana del­la man­i­fes­tazione e pre­sen­za costante di vis­i­ta­tori nell’arco dei giorni feri­ali. Sicu­ra­mente abbi­amo avu­to la pre­sen­za pre­mi­ante di un pub­bli­co qual­i­fi­ca­to e di notevoli capac­ità, sia collezion­is­tiche sia di val­u­tazione. La ripro­va arri­va dal­la sod­dis­fazione degli espos­i­tori e di quan­ti han­no osser­va­to ed apprez­za­to quan­to la mostra pro­pone­va in questi giorni. Sono con­tento anche per l’attenzione dimostra­ta nei con­fron­ti degli even­ti col­lat­er­ali, come lo spazio ded­i­ca­to al mae­stro Cesare Mon­ti o la gal­le­ria dei tap­peti antichi del­la Kash­mir. Nell’insieme riten­go sia più che dimostra­to che momen­ti come la Rasseg­na Anti­quar­ia tro­vi­no ampio spazio e siano sem­pre più qual­i­f­i­can­ti a liv­el­lo nazionale, rius­cen­do a bypas­sare anche fasi neg­a­tive, det­tate dal­la con­giun­tu­ra mon­di­ale e dal­la pre­oc­cu­pazione gen­erale che la gente vive ogni giorno, in segui­to agli even­ti bel­li­ci in Afghanistan. Cre­do che in un cli­ma di questo genere, scate­na­to dal­la trage­dia dell’11 set­tem­bre, ripro­porre con anal­o­go suc­ces­so man­i­fes­tazioni come Rasseg­na Anti­quar­ia, abbia un suo sig­ni­fi­ca­to. E’ la dimostrazione del­la volon­tà del­la popo­lazione di rib­adire come la vita con­tinui, come la certez­za nel futuro sia parte inte­grante del­la nos­tra gente. Una sper­an­za, che pas­sa anche attra­ver­so l’arte e le splen­dide opere che pro­poni­amo al Cen­tro Fiera del Gar­da. Anco­ra una vol­ta gra­zie anche a tut­ti i miei col­lab­o­ra­tori, che han­no con­tribuito alla rius­ci­ta del­la Rasseg­na Anti­quar­ia”. Se Car­lo Miot­to è sod­dis­fat­to, pos­i­ti­vo è anche il giudizio dei crit­i­ci e degli esper­ti d’arte inter­venu­ti alla man­i­fes­tazione, a ripro­va dell’alto liv­el­lo di spe­cial­iz­zazione rag­giun­to da “Rasseg­na Anti­quar­ia”. “Rasseg­na Anti­quar­ia ha offer­to al pub­bli­co un’ampia gam­ma di pro­poste inter­es­san­ti: arre­di, stampe, quadri, argen­ti, tap­peti, arazzi, tes­su­ti, gioiel­li, orolo­gi, cor­ni­ci, ceramiche, mar­mi, bronzi, cristal­li, vetri, arche­olo­gia, selezionati con seri­età e com­pe­ten­za da anti­quari qual­i­fi­cati. L’appuntamento è ormai un ‘clas­si­co’ nel panora­ma nazionale, irri­n­un­cia­bile per i collezion­isti e gli appas­sion­ati”. Anche per l’edizione 2001 l’obiettivo degli orga­niz­za­tori è sta­to quel­lo di garan­tire al pub­bli­co la qual­ità e la vari­età dei pezzi esposti, accon­tentan­do tutte le diverse esi­gen­ze ed offren­do al vis­i­ta­tore la pos­si­bil­ità di ammi­rare o acquistare tut­ti questi preziosi ogget­ti. Molto gra­di­ta dal pub­bli­co anche la mostra ded­i­ca­ta a Cesare Mon­ti. L’eccellenza del­la sua pro­duzione, la dol­cez­za dei suoi dip­in­ti, i trat­ti a volte vig­orosi e con­trastan­ti, sono sta­ti ele­men­ti di sicuro inter­esse, per le migli­a­ia di vis­i­ta­tori, come i mer­av­igliosi tap­peti pro­posti dal­la gal­le­ria Kash­mir o le “opere ver­di” dell’arte top­i­aria. Rasseg­na Anti­quar­ia si è ricon­fer­ma­ta, anco­ra una vol­ta, uno splen­di­do pal­cosceni­co aper­to sul­la sto­ria. Arrived­er­ci, dunque, al prossi­mo anno.

Parole chiave: