Tra circa un mese Lonato del Garda taglierà il nastro della 58ª Fiera regionale

Parole chiave:
Di Redazione

Dal 15 al 17 gen­naio il Comune di Lona­to del Gar­da ospiterà la 58ª edi­zione del­la Fiera regionale agri­co­la, arti­gianale e com­mer­ciale. Per tre gior­nate la man­i­fes­tazione ispi­ra­ta alla tradizione agri­co­la e alla ricor­ren­za di Sant’Antonio abate tornerà ad affol­lare vie, piazze, scuole e palazzetti del cen­tro, con­clu­den­dosi pro­prio nel­la domeni­ca di Sant’Antonio (17 gen­naio) aispi­ra­tore dell’evento e pro­tet­tore degli ani­mali e delle campagne.

La del Gar­da si con­fer­ma un’ampia vet­ri­na dei prodot­ti del ter­ri­to­rio con un per­cor­so espos­i­ti­vo ideato per val­oriz­zare le frazioni e le asso­ci­azioni lonate­si, le aziende agri­cole, gli arti­giani e i com­mer­cianti, con degus­tazioni gra­tu­ite, gare gas­tro­nomiche, alcu­ni momen­ti legati alla cul­tura e alle tradizioni d’altri tem­pi, alles­ti­men­ti a tema, pre­sen­tazioni di lib­ri, mostre e mini­con­cer­ti, rie­vo­cazioni storiche, ani­mazione e luna park per più pic­coli, espo­sizione di mezzi d’epoca e numerosi even­ti in un pro­gram­ma che si spal­ma su un lun­go fine set­ti­mana. Con una novità: quest’anno il Gran Galà Show, even­to inau­gu­rale di spet­ta­co­lo e cabaret a ingres­so libero, si ter­rà ven­erdì 8 gen­naio al Cin­e­ma Teatro Italia, antic­i­pan­do così la man­i­fes­tazione fieristica.

«La Fiera fa parte ormai da decen­ni delle nos­tre vite, del nos­tro essere lonate­si e dell’essere una vera comu­nità – affer­ma il nuo­vo diret­tore del comi­ta­to fiera Davide Bol­lani –. Per tale moti­vo, il comi­ta­to, sin dal pri­mo incon­tro, ha lavo­ra­to per orga­niz­zare non solo la Fiera di Lona­to, ma una man­i­fes­tazione che potesse essere inte­sa come la “Fiera dei lonate­si”. Non nascon­do la mia sod­dis­fazione nell’aver vis­to il comi­ta­to e i vari col­lab­o­ra­tori fare loro questo mes­sag­gio, e nell’aver vis­to nascere un grup­po di per­sone che da subito ha “rema­to” nel­la stes­sa direzione».

Anche il pres­i­dente del comi­ta­to, il con­sigliere comu­nale Valenti­no Leonar­di, rimar­ca il val­ore del­la ker­messe sot­to­lin­e­an­done i gran­di spazi espos­i­tivi, la pre­sen­za di mac­chine d’epoca, car­ri, sug­ges­tioni e ambi­en­tazioni agri­cole. «Vi aspet­ti­amo numerosi in un’area espos­i­ti­va che attra­ver­sa tut­to il cen­tro di Lona­to: oltre 6.500 metri qua­drati, di cui ben mille al cop­er­to, con decine e decine di espos­i­tori dei vari com­par­ti, e tut­to a ingres­so gratuito».

Non mancher­an­no anche in ques­ta edi­zione le gare gas­tro­nomiche del miglior salame e del chisöl, il cir­cuito dei ris­toran­ti con menu a base di carne di maiale, “Töt porsel”, il cele­ber­ri­mo “os de stòmech” e i “ram­pón­soi”, prodot­ti Deco – iscrit­ti al reg­istro comu­nale e tute­lati da Denom­i­nazione comu­nale d’origine – e le varie degus­tazioni offerte agli ospi­ti per ass­apo­rare il meglio del­la gen­uinità lonatese. Gior­nate goliardiche tra sfide di piaz­za al palo del­la cuccagna e con gli antichi giochi nel “Palio di Sant’Antonio” dis­pu­ta­to fra le frazioni lonate­si. Ci saran­no inoltre con­veg­ni a tema agri­co­lo e varie occa­sioni che offriran­no anche in ques­ta edi­zione il gius­to con­nu­bio fra tradizione e inno­vazione. Infine, spazio agli aman­ti delle due e quat­tro ruote, con la mostra del ciclo e moto­ci­clo d’epoca e il raduno del reg­istro stori­co Alfa Romeo Giulia.

 

Parole chiave: