Nuova sede, successi prestigiosi, riconoscimenti e tanti iscritti per il sodalizio presieduto da Gianfranco Tonelli Rinato dopo la crisi, è considerato il 3º più importante al mondo

Circolo Surf Torbole, il vento è ottimo

27/04/2003 in Attualità
Di Luca Delpozzo

Tre anni fa, la crisi era tale che qual­cuno ave­va pen­sato alla sua chiusura. Ora, il Cir­co­lo Surf Tor­bole ha rag­giun­to liv­el­li di pres­ti­gio tale che gli spe­cial­isti lo con­sid­er­a­no il ter­zo sodal­izio al mon­do, dopo quel­lo di Maui (Hawaii) e Fuerteven­tu­ra (Canarie), i suoi atleti fan­no man bas­sa di titoli, i soci sono rad­doppiati e cam­pi­oni di tut­to il mon­do scel­go­no di diven­tarne portacolori.Il momen­to è tan­to magi­co che risul­ta dif­fi­cile fare una scalet­ta dei riconosci­men­ti, dei risul­tati e degli appun­ta­men­ti che riguardano il Cir­co­lo pre­siedu­to da Gian­fran­co Tonel­li. La novità più recente è sen­za dub­bio quel­la lega­ta alla sede, la cui com­ple­ta ristrut­turazione costerà attorno al mil­ione e 800 mila euro e sarà finanzi­a­ta per il 70 per cen­to dal­la Provin­cia. «La con­fer­ma del con­trib­u­to — spie­ga Tonel­li — è arriva­ta qualche giorno fa e, per questo impor­tante risul­ta­to, las­ci­ate­mi ringraziare l’asses­sore Iva Berasi, sem­pre atten­tis­si­ma nei nos­tri con­fron­ti». Real­iz­za­ta su dis­eg­no del­l’ar­chitet­to Lui­gi Mari­no, la nuo­va sede pre­sen­terà soluzioni architet­toniche d’a­van­guardia e sarà dota­ta di pan­nel­li solari in gra­do di rispon­dere a buona parte delle esi­gen­ze del Cir­co­lo. I lavori inizier­an­no all’inizio di set­tem­bre del 2004 e, sal­vo intop­pi, dovreb­bero essere con­clusi per il mag­gio del 2005. Questo per quan­to riguar­da gli aspet­ti logis­ti­ci. Tra gli appun­ta­men­ti ago­nis­ti­ci spic­ca quel­lo in pro­gram­ma dal 5 al 12 luglio. «Pro­prio così — con­tin­ua Tonel­li, con mal cela­to orgoglio — il Comi­ta­to Olimpi­co ha affida­to a noi l’onore di orga­niz­zare e ospitare il pri­mo cam­pi­ona­to mon­di­ale di for­mu­la “wind­surf­ing” che, eccezional­mente si chi­amerà “Gar­da Trenti­no Youth Cham­pi­onship”. Si trat­ta del­la for­mu­la che, a par­tire da “Pechi­no 2008”, diven­terà dis­ci­plina olimpi­ca, pren­den­do il pos­to del­la classe “Mis­tral”. La stes­sa , medaglia d’oro a Sid­ney nel­la classe Mis­tral, sta pas­san­do al wind­surf­ing. Si trat­ta di un riconosci­men­to al pres­ti­gio rag­giun­to da Tor­bole, il migliore e il più gra­di­to dei riconosci­men­ti». Ma non finisce qui. Il sodal­izio tor­bolano è sta­to recen­te­mente pre­mi­a­to dal­la come il cir­co­lo con il mag­gior numero di cam­pi­oni ital­iani: ben sei i titoli tri­col­ori in varie cat­e­gorie, vin­ti da Alber­to Menegat­ti Ver­e­na Fauster, Rober­to Pom­per­maier, Alessan­dro Briscoli, Peter Mut­zlinger e Geor­gia Brizio. Accan­to a loro, han­no volu­to tesser­ar­si fuori­classe come l’in­glese James Lever, lo svizze­ro Patrick Dithelm, il fin­lan­dese Jamme Rauhan­sun e l’is­raeliano Armon Dagan e, pochi giorni fa, la cam­pi­ones­sa Karin Jagge. I soci, richia­matai anche da questi nomi, sono pas­sati in un paio d’an­ni da 170 a 300. Dal 29 mag­gio al 1º giug­no, poi, tornerà il Sur­fes­ti­val, anco­ra più grande e affol­la­to, tan­to da essere con­sid­er­a­to anch’es­so l’ap­pun­ta­men­to più impor­tante al mon­do del suo genere: 40 le aziende al top che han­no con­fer­ma­to la loro pre­sen­za, ven­ti i migliori wind­surfers al mon­do che parteciper­an­no al pri­mo «Freestyle Super­cross World­wide» e le tele­camere di Sail­ing Chan­nel che man­derà in onda servizi per una set­ti­mana.