Dal 28 al 29 marzo

Cittadella in festa a Lonato del Garda

27/03/2015 in Attualità
Di Luigi Del Pozzo
Il 28 e 29 mar­zo, la Roc­ca di Lona­to del Gar­da e la sug­ges­ti­va Cit­tadel­la medievale che la cir­con­da, faran­no un vero e pro­prio salto indi­etro nel tem­po.

A par­tire dal pomerig­gio di saba­to e per tut­ta la gior­na­ta di Domeni­ca, oltre una venti­na di stand con arti­giani in cos­tume, bandiere e sten­dar­di costeller­an­no via Ugo Da Como che si iner­pi­ca dal cen­tro cit­tadi­no alla Roc­ca, dan­do vita ad un per­cor­so che porterà lo spet­ta­tore a sco­prire gli angoli più affas­ci­nati e seg­reti del bor­go medievale.
Gli antichi mestieri riv­ivran­no in bot­teghe allestite per l’occasione dal­la Com­pag­nia del Sipario Medievale di Verona ed il pub­bli­co potrà, così, conoscere da vici­no lavori, arti e sapien­ze di un tem­po: la sto­ria e l’utilizzo del baco da seta, la lavo­razione arti­gianale del rame, la preparazione delle pergamene, la maci­nazione del­la fari­na con il muli­no a mano.

Le strade del bor­go saran­no ani­mate da artisti di stra­da, con­cer­ti, hap­pen­ing e nei locali del cen­tro stori­co si potran­no degustare i del ter­ri­to­rio.

I ris­toran­ti Da Achille, Anti­co Cor­lo, Pol­lo­nio e La Roc­ca con­te­sa tut­ti adi­a­cen­ti alla Cit­tadel­la pro­por­ran­no un menu spe­ciale a 15 euro con il salume lonatese per eccel­len­za, l’òs de stòmech, che ha ottenu­to la De.Co. che cer­ti­fi­ca orig­ine e gen­uinità del prodot­to.

I bar e le caf­fet­terie del cen­tro Cen­trale, Com­mer­cio, Mari­naio e Le Lasse - oltre il “menu sand­wich” a 5 euro — pro­por­ran­no in degus­tazione l’òs de stòmech.

I macel­lai di Lona­to esporran­no — in uno dei cor­tili delle case del­la Cit­tadel­la — un òs de stòmech che supera i 20 chilo­gram­mi e rac­con­ter­an­no al pub­bli­co come si pro­duce e soprat­tut­to come si cuci­na.

In abbina­men­to a questo salume non pos­sono man­care i ram­pòn­soi, un’er­bet­ta spon­tanea, ten­era e dolce, che nel tem­po sono diven­tati una rar­ità, ma che un’azien­da di Lona­to da anni li pro­duce e li li com­mer­cia in tut­ta Italia.

Il tut­to con una colon­na sono­ra di musi­ca anti­ca, con brani trat­ti dal reper­to­rio medievale e rinasci­men­tale europeo, ripro­pos­ta dall’EraTempus. A vibrare, saran­no le corde di stru­men­ti affasci­nan­ti come bom­barde, ghi­ronde, cor­na­muse, nyck­el­har­por, accom­pa­g­nate dalle per­cus­sioni dei tam­buri. Suoni che andran­no a ricreare sonorità e atmos­fere tipiche delle cor­ti e dei borghi antichi.

Piaz­za Mat­teot­ti sarà intera­mente ded­i­ca­ta ai bam­bi­ni con varie postazioni di gio­co in cui sfi­dar­si tra gran­di e pic­ci­ni con gare di barat­toli, corde, ges­set­ti, elas­ti­ci e mate­ri­ali di recu­pero.

Per tut­to il fine set­ti­mana, Lona­to svel­erà i suoi tesori d’arte e sto­ria; ver­ran­no pro­poste alla Torre Civi­ca e alla Casa Museo del Podestà e si potran­no vis­itare la Roc­ca vis­con­teo vene­ta e il Museo Civi­co Orni­to­logi­co.

Cit­tadel­la in Fes­ta si ter­rà in con­comi­tan­za con la pre­sen­tazione del prog­et­to sull’Albergo Dif­fu­so che sarà rica­va­to dal­la ristrut­turazione di antiche case del bor­go medievale e che ver­rà illus­tra­to durante un con­ven­go, nel­la mat­ti­na­ta di saba­to 28.
Nel fine set­ti­mana, gli stu­den­ti dell’Università degli Stu­di di Bres­cia guider­an­no il pub­bli­co alla scop­er­ta degli edi­fi­ci che nel prossi­mo futuro saran­no coin­volti in questo nuo­vo ed inter­es­sante prog­et­to di rifun­zion­al­iz­zazione.