L’iniziativa è stata finanziata dalla Regione: aderiscono anche Pro loco e parrocchie, che offrono spazi

Collaborano associazioni, Ulss e Comuni

15/03/2005 in Attualità
Di Luca Delpozzo
(b.b.)

L’iniziativa riguar­da 2.445 gio­vani dai 18 ai 29 anni (1.188 ragazzi e 1.258 ragazze) così dis­tribuiti: Affi 13,1 per cen­to, Capri­no 44,7 per cen­to, Cavaion 24,0 per cen­to e Coster­mano 18,2 per cen­to (dati degli uffi­ci demografi­ci comu­nali). Va ricorda­to che il sec­on­do finanzi­a­men­to regionale impli­ca l’immissione in «Incon­trarte» di altri ragazzi tra i 15 e i 18 anni, non anco­ra inser­i­ti. Gli enti locali asso­ciati sono i Comu­ni di Affi, Capri­no Veronese, Cavaion e Coster­mano (accor­datisi con una let­tera di ade­sione segui­ta dal­la delib­era di giun­ta), Ulss 22 e dis­tret­to 2 (Verona). I parte­ci­pan­ti sono oper­a­tori con ruo­lo fun­zionale diret­to nel­la ges­tione del prog­et­to: la ragione­r­ia del Comune di Cavaion, ges­tione eco­nom­i­ca e ren­di­con­to del prog­et­to. Come oper­a­trice ester­na ci sarà un’educatrice dell’Ulss per tut­ti i Comu­ni che farà da ponte tra il grup­po pro­mo­tore e le ammin­is­trazioni. Han­no ader­i­to anche asso­ci­azioni e grup­pi infor­mali: per Capri­no ci sono il grup­po Lo Skiz­zo, i grup­pi teatrali Fedra e musi­cale Cas­tadi­va; per Affi l’associazione Ira­dia; per Coster­mano il Grup­po gio­vani di Albarè; per Cavaion l’associazione Mato Grosso (Col­lab­o­ra pure il grup­po musi­cale Macho Koala, di Bure di san Pietro Incar­i­ano). La rete ter­ri­to­ri­ale coin­vol­ta riguar­da le par­roc­chie di Capri­no, Cavaion e Albarè di Coster­mano, che han­no offer­to col­lab­o­razione per azioni di infor­mazione e sen­si­bi­liz­zazione dei gio­vani, met­ten­do a dis­po­sizione spazi, come il Grup­po gio­vani di Affi e dei Clown dot­tori di Coster­mano. Sono anche coin­volte le Pro loco di Affi e Capri­no e il grup­po teatrale Teamos di Cavaion che sarà con­sulen­za volon­taria. Offre spazi anche il Cen­tro di accoglien­za e spir­i­tu­al­ità Don Bosco di Albaré. Pre­visti poi cor­si e lab­o­ra­tori di scrit­tura cre­ati­va, teatro, dan­za e musi­ca audio­vi­sivi e scenografia, cias­cuno con un for­ma­tore (tranne musi­ca e audio­vi­sivi che saran­no sper­i­men­tali e autogestiti).