Cresco: “Abbiamo dato risposte puntuali a un turismo sostenibile. Ci auguriamo di poter annunciare in tempi certi il nuovo collettore”

Completato il primo tratto della ciclopedonale Pacengo-Ronchi

Iscriviti al nostro canale
Di Redazione

Con l’avvio della stagione turistica, Lazise può contare su un nuovo percorso ciclopedonale da mettere a disposizione di turisti e cittadini. Si sono conclusi, infatti, i lavori di riqualificazione del lungolago tra il porticciolo di Pacengo e Lido Ronchi.

All’inaugurazione del nuovo tratto di pista ciclabile, che si inserirà nell’anello ciclabile del Garda, erano presenti Angelo Cresco presidente di Azienda Gardesana Servizi, Luca Sebastiano sindaco di Lazise, Giovanni Peretti sindaco di Castelnuovo del Garda, Eugenio Azzali vicesindaco di Lazise e i consiglieri comunali.

Il progetto è stato interamente realizzato da AGS per conto dell’amministrazione comunale di Lazise, mentre l’investimento complessivo per la realizzazione della nuova arteria ciclabile è pari a 300mila euro. “Insieme al Comune – ha sottolineato il presidente Cresco – abbiamo dato una risposta puntuale a un turismo moderno, sostenibile e che difende l’ambiente. Noi ci auguriamo che oltre alle ciclabili sia possibile annunciare in tempi certi anche la realizzazione del nuovo collettore che per noi è un’infrastruttura essenziale”.

L’intervento ha permesso di sistemare la passeggiata lungolago che, prima della riqualificazione, era costituita da un sentiero sterrato parzialmente coperto di ghiaia e poco fruibile dalle biciclette. Essendo questo tratto di lungolago molto frequentato in ogni periodo dell’anno, sia dai turisti che dai cittadini, l’amministrazione ha provveduto a sistemare l’intero percorso che misura complessivamente circa 1 km.

“Noi avevamo l’esigenza di riqualificare il nostro litorale – ha spiegato il sindaco Sebastiano – perché qui passano ciclisti, pedoni e disabili e il terreno era a tratti sconnesso e richiedeva una manutenzione continua. Per questo abbiamo deciso di sistemare complessivamente la ciclabile in cui si può camminare e spostarsi in tutta sicurezza”.

Il tracciato del vecchio sentiero è stato pavimentato con uno strato di pavimentazione in calcestruzzo, a ridotto impatto ambientale, con caratteristiche drenanti e resistente al gelo. La pavimentazione è stata stesa “a freddo” e, quindi, senza emissioni di fumi e vapori inquinanti nell’aria. I lavori si sono conclusi in anticipo sui tempi previsti, nonostante le difficoltà metereologiche, con l’obiettivo di mettere a disposizione questa nuova arteria ciclabile prima dell’inizio dell’estate.

“Siamo molto contenti – ha detto il sindaco Peretti – perché completando questo tratto di ciclabile si può andare da San Benedetto di Lugana fino a Garda in bici e sempre lungo lago. È un grande risultato per tutte le amministrazioni”.

Vista l’importanza dell’area dal punto di vista paesaggistico, la pista è stata progettata in modo da armonizzarsi con il contesto ambientale della zona e utilizzando colori tenui tipici dell’area.

L’intervento si inserisce nell’ambito dei numerosi percorso ciclopedonali già completati e in prossimo programma attorno il Lago di Garda e offre una valida e sicura alternativa ai ciclisti, rispetto alla trafficata e pericolosa Gardesana.

 

 

Commenti

commenti