Avviato un piano di collaborazione con l’Ipaa

Comune e studenti uniti per l’ambiente

17/12/2000 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Roberto Darra

Il Comune di Lona­to (l’assessorato all’Ecologia guida­to dal vicesin­da­co Davide Bac­cinel­li) e l’Istituto pro­fes­sion­ale per l’agricoltura e l’ambiente (Ipaa), in frazione San Toma­so (pre­side Vin­cen­zo Dona­to), han­no appe­na avvi­a­to un prog­et­to di col­lab­o­razione che si con­cretizzerà com­in­cian­do dal cen­si­men­to delle alber­a­ture pub­bliche, del loro sta­to di salute e dall’individuazione di even­tu­ali cure. Poi si passerà alla prog­et­tazione del rifaci­men­to del par­co pub­bli­co di via Galilei, davan­ti alla scuo­la media del cen­tro, e più avan­ti anco­ra alla preparazione di tesi di matu­rità legate nat­u­ral­mente all’ambiente e all’ecologia: gli stu­den­ti dovran­no par­lare del­la qual­ità dell’acqua, oppure delle dei rifiu­ti con mod­el­li con­creti di appli­cazione. «L’amministrazione vuole ringraziare pub­bli­ca­mente i respon­s­abili di questo isti­tu­to — com­men­ta Bac­cinel­li — per la loro volon­tà di col­lab­o­razione con il Comune su tem­atiche di inter­esse col­let­ti­vo. Una col­lab­o­razione che, sper­a­no in Comune, dovrebbe essere solo l’inizio di un rap­por­to sem­pre più costrut­ti­vo con un isti­tu­to in fase di svilup­po e impor­tante per il tes­su­to eco­nom­i­co lonatese. Tut­ti i prog­et­ti nati da ques­ta sin­er­gia ver­ran­no pre­sen­tati pub­bli­ca­mente una vol­ta ter­mi­nati. La sto­ria di ques­ta scuo­la lonatese, lo ricor­diamo, è lun­ga e travagli­a­ta, ma sem­pre lega­ta alla cit­tad­i­na e al suo ter­ri­to­rio. Nata nel 1946, è sta­ta chiusa dal provved­i­tora­to agli Stu­di di Bres­cia nel 1948 per man­can­za di fon­di. Nel 1966 ha ria­per­to i bat­ten­ti come Ipsia (Isti­tu­to pro­fes­sion­ale di Sta­to per l’industria e l’artigianato), quin­di a cari­co del­lo Sta­to, ma poten­do final­mente uti­liz­zare i fon­di del lasc­i­to del­la sig­no­ra Girelli: una lonatese che molti anni pri­ma ave­va espres­sa­mente man­i­fes­ta­to il deside­rio di con­tribuire alla creazione di una scuo­la di ind­i­riz­zo agrario in paese.

Parole chiave: