Il Consiglio direttivo del Consorzio dei comuni bresciani del bacino imbrifero montano Sarca-Mincio-Garda ha deliberato il rientro nella Comunità del Garda.

Comunità del Garda rientra il consorzio Bim

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
s.z.

Il Con­siglio diret­ti­vo del Con­sorzio dei comu­ni bres­ciani del baci­no imbrif­ero mon­tano Sar­ca-Min­cio-Gar­da ha delib­er­a­to il rien­tro nel­la . «In questo par­ti­co­lare momen­to di rif­les­sione sul futuro del­la Comu­nità — spie­ga Mar­cel­lo Cobel­li, pres­i­dente del Bim — vogliamo dare un seg­nale alle pub­bliche ammin­is­trazioni e, allo stes­so tem­po, un’aper­tu­ra di cred­i­to nei con­fron­ti di un ente al quale riconos­ci­amo gran­di poten­zial­ità. E’ un organ­is­mo aggre­gante e, come realtà inter­re­gionale, può occu­par­si in modo deci­si­vo ed uni­tario delle prob­lem­atiche garde­sane. Cre­di­amo che il modo migliore per cel­e­brare il cinquan­tes­i­mo anniver­sario del­la fon­dazione sia quel­lo di con­tribuire, aderen­dovi, a dare nuovi sti­moli, a trovare nuove com­pe­ten­ze ed even­tual­mente forme giuridiche diverse. Noi cre­di­amo nel futuro del­la asso­ci­azione, che ter­rà la sua assem­blea il prossi­mo 7 novem­bre, a San Zeno di Montagna».

Parole chiave: