Il lago di Garda si prepara alle festività: intrattenimenti per i bambini, solidarietà e serate spettacolo. Al via anche le rassegne dedicate ai presepi, con una singolare natività subacquea

Concerti e pattini aspettando il Natale

15/12/2006 in Attualità
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo

Da oggi pomerig­gio al 28 gen­naio si pat­ti­na sul ghi­ac­cio in piaz­za del Por­to. È una delle mag­giori attrazioni inserite nel pro­gram­ma di man­i­fes­tazioni pro­poste da Pro­mo Bar­dolino per Natale. Le vie del cen­tro stori­co e il lun­go­la­go sono addob­bati con alberel­li di Natale e lumi­nar­ie, la piaz­za cen­trale ha una lun­ga rossa pas­satoia, anco­ra­to nel vec­chio por­tic­ci­o­lo il bial­bero San Nicolò ospi­ta un sor­mon­ta­to da una grande stel­la cometa. In questo sce­nario trovano spazio i richi­a­mi alla sol­i­da­ri­età e il coro Ari­an­uo­va con can­ti natal­izi e giochi per i bam­bi­ni e il mer­cati­no acu­ra dell’Amo. Domeni­ca mat­ti­na si esi­birà la Filar­mon­i­ca di Bar­dolino con sfi­la­ta, mes­sa e aper­i­ti­vo musi­cale in piaz­za Mat­teot­ti; alle 15 a Cal­masi­no sfi­la­ta ed esi­bizione delle majorettes di Cavaion, poi «arri­va Bab­bo Natale»; al por­to di Bar­dolino. Cabaret mart­edì 19 alle 21 al Parc Hotel Grit­ti, con Pao­lo Cevoli e mer­coledì auguri di Natale e intrat­ten­i­men­to musi­cale con Lucio Bonomet­ti, alle 20.45 alla Dis­ci­plina a cura del­l’ popo­lare. Auguri a Vil­la Ser­e­na giovedì alle 16.30, da parte dei bam­bi­ni accom­pa­g­nati dal sin­da­co Pietro Meschi; al Teatro Coral­lo alle 20.45 «aspet­tan­do Natale», intrat­ten­i­men­to musi­cale-teatrale con il coro del­la Filar­mon­i­ca a cura di Gior­gio Avanzini.Caprino. «Aspet­tano il Natale arri­va la ban­da». Il con­cer­to è per ques­ta sera alle 21 al Cin­e­ma teatro Nuo­vo, orga­niz­za Bald­ofes­ti­val, suona la Big band Cit­tà di Verona diret­ta dal mae­stro Mar­co Paset­to; brani in col­lab­o­razione con il coro Accad­e­mia musi­cale lir­i­ca di Verona alive diret­to da Pao­lo Fac­cin­cani. Tra le pro­poste in scalet­ta per ven­erdì ci sono S‑cianco March di Mar­co Paset­to, Ital­ian Fes­ti­val (autori vari), Arlesi­enne di Bizet, Go down Moses (Anon­i­mo), African Mood di Magri, The Dark Wind di De Pal­ma, Chameleon di Han­kock. Si chi­ude con scam­bio di auguri, pan­doro, spumante e cioc­co­la­ta cal­da offer­ti da Bald­ofes­ti­val. Ingres­so a offer­ta lib­era. Intan­to pros­egue fino a domani al museo di Vil­la Car­lot­ti la mostra di Van­ni Maz­zo­la. A lui le ner­va­ture del­la rad­i­ca di oli­vo han­no sug­ger­i­to tante forme, a cui ha dato vol­ume e con­sis­ten­za. Tra le creazioni esposte il pic­co­lo gat­to nel­la teca, il geco, il bar­racu­da, il cuc­ci­o­lo di set­ter, volti espres­sivi, cor­pi in movi­men­to, la Pas­sione. Per Maz­zo­la, 51 anni, operaio spe­cial­iz­za­to che colti­va ques­ta pas­sione da una vita, ques­ta è la pri­ma espo­sizione e sta risco­ten­do successo.Peschiera. Il paese rin­no­va l’appuntamento con i pre­sepi con due inizia­tive real­iz­zate con il patrocinio del Comune: il pre­se­pio del lago, già vis­i­bile nelle acque sot­tostan­ti il ponte di San Gio­van­ni in pieno cen­tro stori­co, e la terza edi­zione del­la rasseg­na del pre­se­pio artis­ti­co, che aprirà domeni­ca e rimar­rà allesti­ta sino al 7 gen­naio in sala Radetzky.Realizzato dai volon­tari del Sub club di Peschiera nel 1980 in omag­gio alle acque del Gar­da, il pre­se­pio sub­ac­queo si com­pone di 26 sagome in met­al­lo, scol­pite a grandez­za d’uomo con la fiamma ossidri­ca e ver­ni­ci­ate in modo da essere rese vis­i­bili attra­ver­so l’acqua. Da qualche anno il Pre­se­pio del lago è sta­to arric­chi­to di un mec­ca­n­is­mo che atti­va una par­ti­co­lare sor­pre­sa com­po­nen­do il numero tele­fon­i­co evi­den­zi­a­to sul­la ringhiera del ponte San Giovanni.Altro impor­tante momen­to, la terza edi­zione del­la rasseg­na del pre­se­pio artis­ti­co si appres­ta ad ospitare le creazioni di decine di artisti di tutte le età, verone­si e non. L’esposizione sarà nuo­va­mente ospi­ta­ta negli spazi del­la sala Radet­zky del­la caser­ma di Artiglieria di Por­ta Verona. L’ingresso è libero.

Parole chiave: -