E i Castadiva pensano in pop rock alla Callas

Concerto al teatro Arena

11/08/2002 in Manifestazioni
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Garda

Il pop-rock del -Gar­da si pre­sen­ta sul lun­go­la­go domani sera . Il Teatro Are­na ospi­ta infat­ti alle 21, in una ser­a­ta orga­niz­za­ta dall’assessorato al tur­is­mo del Comune di Gar­da, i Cas­tadi­va, for­mazione di Capri­no, che rac­coglie tre capri­ne­si, un garde­sano e un veronese. La band è for­ma­ta da Agosti­no Lavari­ni (voce), Luca Peretti (chi­tar­ra), Davide Coltri (bas­so), Mirko Sala (tastiere), Gian­maria Tonin (bat­te­ria). Suo­nano insieme da cir­ca un anno, ma tut­ti han­no già alle spalle altre espe­rien­ze musi­cali, non fos­se altro in grup­pet­ti sco­las­ti­ci. Ulti­ma­mente stan­no andan­do alla grande: sette-otto ser­ate al mese sono assi­cu­rate. Il reper­to­rio è quel­lo delle cov­er di grup­pi e inter­preti di scuo­la angloamer­i­cana, come U2, Toto, Peter Gabriel, Queen, Aero­smith, ma anche qualche autore ital­iano, come Fran­co Bat­tia­to. E lo stes­so nome del grup­po viene da un lavoro del musicista sicil­iano. «Dove­va­mo iscriver­ci a un con­cor­so e non ave­va­mo anco­ra scel­to il nome», rac­con­ta Mirko Sala, il garde­sano del­la squadra, for­matosi già gio­vanis­si­mo alla scuo­la di musi­ca Car­lo degli Alber­ti­ni di Gar­da, «e così abbi­amo opta­to per un bra­no di Bat­tia­to che ci piace­va molto, “Cas­ta Diva” dall’album Gom­malac­ca». E in fon­do può essere un’intitolazione locale, vis­to che la div­ina Maria Callas, cui Bat­tia­to ha ded­i­ca­to la can­zone, ha vis­su­to a lun­go sul­la riv­iera garde­sana, nel­la splen­di­da vil­la di Sirmione. Tutt’altro genere musi­cale, cer­to, quel­lo dei Cas­tadi­va balden­si, ma la musi­ca non conosce fron­tiere e barriere.

Parole chiave: