Domenica 12 gennaio organo, coro e percussioni nella Chiesa di S.M. Maddalena

Concerto per l’organo del Duomo di Desenzano

10/01/2014 in Concerti
Parole chiave: - - -
Di Luigi Del Pozzo

Dopo il con­cer­to di con i Solisti veneti, che ha reg­is­tra­to uno stra­or­di­nario suc­ces­so, la sta­gione con­cer­tis­ti­ca desen­zanese pro­mossa in col­lab­o­razione con il NED Ensem­ble tor­na ospite del Duo­mo di Desen­zano con un pro­gram­ma ded­i­ca­to al suo stru­men­to principe, l’organo a canne.

L’imponente stru­men­to in cas­sa di leg­no baroc­ca è opera dei fratel­li Seras­si di Berg­amo, real­iz­za­to nel 1837 sul­la base un prece­dente organo del desen­zanese Giuseppe Bon­at­ti. I lavori di restau­ro avviati nel 2008, sebbene non com­ple­tati per tut­ti i reg­istri, han­no già resti­tu­ito allo stru­men­to lo splen­dore ester­no e gran parte del­la voce orig­i­nale.

Il con­cer­to si ter­rà domeni­ca 12 gen­naio alle ore 16 con musiche di J.P. Sweel­inck, J.K. Ker­ll, J.S. Bach, J. Kuh­nau, G.P. da Palest­ri­na, C. Saint-Saëns e Fed­eri­co Man­to­vani. Di quest’ultimo com­pos­i­tore, pre­sente in Duo­mo la sera del con­cer­to, ver­rà ese­gui­to in pri­ma asso­lu­ta il “Glo­ria”.

Eseguono il Coro S.M. Mad­dale­na diret­to dal M° Gigi Bertagna, il M° Umber­to Forni all’organo e il desen­zanese Ste­fano Tononi alle per­cus­sioni.

Il prossi­mo appun­ta­men­to del­la sta­gione è domeni­ca 26 gen­naio con il Con­cer­to per il Giorno del­la memo­ria, che si cel­e­bra in tut­ta Italia per ricor­dare le vit­time del nazis­mo e del­l’Olo­caus­to. L’Accademia del Teatro alla Scala diret­ta da Mar­co Angius eseguirà in pri­ma ese­cuzione ital­iana la IX Sin­fo­nia di Gus­tav Mahler nel­la trascrizione per orches­tra da cam­era.

Il Coro San­ta Maria Mad­dale­na nasce nel 1972 per opera di Don Dario Moran­di­ni, che riunì un grup­po di gio­vani con lo scopo di ani­mare una Mes­sa domeni­cale nel Duo­mo di Desen­zano del Gar­da. Il coro svolge tut­to­ra il servizio ogni domeni­ca e nelle solen­nità dell’anno litur­gi­co in Duo­mo e nelle cel­e­brazioni vic­ar­i­ali.

Dal 1986 orga­niz­za una rasseg­na di can­to corale in Duo­mo, in col­lab­o­razione con l’assessorato alla cul­tura del Comune di Desen­zano, giun­ta alla XVIII edi­zione. Il coro parte­ci­pa a con­cer­ti e rasseg­ne in Italia e all’estero. Da ricor­dare i con­cer­ti ad Amberg, Wiener-Neustadt, Assisi, Venezia, Bres­cia, Cre­mona e Tren­to, il con­cer­to- con l’ “Ora­to­ri­en­chor” di Amberg e il con­cer­to con il “Riet­man Singers choir” di Lon­dra.

Ha pub­bli­ca­to due CD e si avvale del­la col­lab­o­razione del M° Bepi De Marzi e del M° Michael Kib­ble­white. Dal 1976 è diret­to dal M° Gigi Bertagna.

Gigi Bertagna è nato nel 1954. Di pro­fes­sione faleg­name, ma appas­sion­a­to di can­to fin dall’infanzia, ha fat­to parte del coro par­roc­chiale “San­ta Maria Mad­dale­na” del duo­mo di Desen­zano, per poi assumerne la direzione nel 1976.

Fra i suoi maestri ricor­diamo: Don Dario Moran­di­ni, Vale­rio Bertolot­ti, Bepi De Marzi e Michael Kib­ble­white.

Oltre a dirigere il “Coro San­ta Maria Mad­dale­na”, Gigi Bertagna ha fonda­to e dirige il coro maschile “Òmdèldòm”. Ha tenu­to cor­si su “Can­to e litur­gia” e “Il can­to dei Sal­mi nel­la Litur­gia.” In qual­ità di respon­s­abile per le par­ti can­tate col­lab­o­ra ogni anno alla preparazione del­la “Via Lucis” vic­ar­i­ale e del­la “Via Cru­cis” cit­tad­i­na.

Dall’A.S. sco­las­ti­co 2013–2014 prepara e dirige il coro del “Gin­na­sio – Liceo G. Bagat­ta” di Desen­zano del Gar­da.

 

Umber­to Forni, bolog­nese, si è diplo­ma­to a pieni voti in organo con Ste­fano Inno­cen­ti nel 1976; lo stes­so anno è sta­to chiam­a­to a inseg­nare al di Fer­rara. Ded­i­catosi in par­ti­co­lare allo stu­dio ed all’esecuzione del reper­to­rio sei — set­te­cen­tesco, nel 1985 si è diplo­ma­to cum laude in clav­icem­ba­lo.

Come solista ha dato con­cer­ti in molti pae­si europei e in Giap­pone, parte­ci­pan­do più volte ad impor­tan­ti fes­ti­val inter­nazion­ali. Van­ta una disc­re­ta attiv­ità sia come con­tinuista in for­mazioni cameris­tiche e con orchestre (dis­chi Bon­gio­van­ni, Tac­tus, Stradi­var­ius e Nax­os), che come diret­tore di ensem­ble.

Autore di sag­gi di argo­men­to orga­nario, mem­bro del­la giuria in diver­si con­cor­si, è pro­fes­sore di Organo al Con­ser­va­to­rio di Verona, tito­lare del bel­lo stru­men­to del­la chiesa di S. Maria in Organo nel­la stes­sa cit­tà e Ispet­tore Ono­rario per la tutela degli organi artis­ti­ci del Vene­to. In più di 20 anni di attiv­ità ha segui­to il restau­ro di stru­men­ti impor­tan­ti, tra cui l’Antegnati 1565 di S. Bar­bara (Man­to­va) e il Bon­at­ti 1716 del­la chiesa veronese di S. Toma­so Can­tu­ar­iense.

 

Ste­fano Tononi, nato a Desen­zano del Gar­da nel 1983, ha fre­quen­ta­to la classe di Stru­men­ti a Per­cus­sione del prof. Save­rio Tas­ca pres­so il Con­ser­va­to­rio di Verona, dove due anni più tar­di ha inizia­to a fre­quentare le lezioni di Com­po­sizione pres­so la classe del prof. Andrea Man­nuc­ci e, in segui­to, del prof. Nico­la Straf­fe­li­ni.

Lau­re­ato col mas­si­mo del voti in Tim­pani e Per­cus­sioni ad ind­i­riz­zo con­certis­ti­co all’ Akademie für Tonkun­st di Darm­stadt, col­lab­o­ra rego­lar­mente con impor­tan­ti orchestre come i Vir­tu­osi Ital­iani, la Junge Deutsche Phil­har­monie, Nation­althe­ater Mannheim, Staat­sthe­ater Darm­stadt e la Qatar Roy­al Phil­har­mon­ic Orches­tra. Ha stu­di­a­to com­po­sizione e, inter­es­sato alla musi­ca con­tem­po­ranea, è atti­vo nel­l’or­ga­niz­zazione di even­ti e fes­ti­val ad essa legati.

Nell’autunno 2012, dopo anni di parte­ci­pazione a vari fes­ti­val e rasseg­ne di musi­ca da cam­era in Ger­ma­nia, ha debut­ta­to in Italia e Svizzera con il quar­tet­to di per­cus­sioni, di cui è alla gui­da, “DA Schk­lag­w­erk”.

Attual­mente è tim­panista pres­so l’Orchestra del Fes­ti­val Inter­nazionale Pianis­ti­co di Bres­cia e Berg­amo, per­cus­sion­ista pres­so il NED Ensem­ble, diret­tore e inseg­nante pres­so ”La Petite“ Scuo­la di Musi­ca di Desen­zano e per­cus­sion­ista pres­so il quar­tet­to di per­cus­sioni “DA Schlag­w­erk“.

Fed­eri­co Man­to­vani, Com­pos­i­tore e Diret­tore di Coro e d’Orches­tra, è nato a S. Gio­van­ni in Croce (Cre­mona) nel 1968. Lau­re­ato con il mas­si­mo dei voti e la lode in Let­tere mod­erne (ind­i­riz­zo musi­co­logi­co), è diplo­ma­to in Musi­ca corale e Direzione di coro, in Com­po­sizione (a pieni voti) e in Direzione d’orches­tra. Si è per­fezion­a­to in Com­po­sizione sot­to la gui­da dei maestri Azio Corghi e Alessan­dro Sol­biati.

Come com­pos­i­tore si è seg­nala­to in con­cor­si inter­nazion­ali, vin­cen­do la selezione per la “Bien­nale dei gio­vani artisti del­l’Eu­ropa mediter­ranea” a Lis­bona nel 1994, il Pre­mio inter­nazionale di com­po­sizione di musiche da film “Pre­mio Rota — gio­vani” pre­siedu­to da Ennio Mor­ri­cone (1997), il Sec­on­do Pre­mio al Con­cor­so Inter­nazionale di Com­po­sizione “Gui­do d’Arez­zo” (1998) e il Pri­mo pre­mio al Con­cor­so inter­nazionale di musiche per il cin­e­ma Nascim­bene Award (2004).

Nel gen­naio del 1999 ha pre­sen­ta­to la Can­ta­ta Pater pau­pe­rum nel Duo­mo di Cre­mona. Nel mag­gio del 2000 è sta­ta ese­gui­ta a Sara­je­vo la com­po­sizione Ele­gy per orches­tra d’archi ded­i­ca­ta ai bam­bi­ni vit­time del­la guer­ra. Nel 2002 ha com­pos­to e real­iz­za­to l’Opera mod­er­na Faust. La ten­tazione.

Nel 2002/2003 è sta­to ospi­ta­to come diret­tore d’orches­tra e com­pos­i­tore nel­l’am­bito del­la rasseg­na “Estate ai Fori”, orga­niz­za­ta dal Comune di Roma. Ha col­lab­o­ra­to con l’at­tore Car­lo Riv­ol­ta per il ciclo “Socrate e la vita filosofi­ca”. Dal­la fine del 2003 è diret­tore artis­ti­co e musi­cale del Coro Poli­fon­i­co Cre­monese e ha col­lab­o­ra­to come Diret­tore con l’orches­tra “I Pomerig­gi musi­cali” di .

Nel 2010 ha com­pos­to e diret­to pres­so la Cat­te­drale di Cre­mona due impor­tan­ti can­tate sacre, reg­is­trate in Cd e Dvd: Vergine Madre, ded­i­ca­ta alla figu­ra di Maria e La più bel­la avven­tu­ra, ded­i­ca­ta al pen­siero di don Pri­mo Maz­zo­lari.

Nel dicem­bre 2011 ha ese­gui­to nel Duo­mo di Cre­mona l’O­ra­to­rio mod­er­no per l’Avven­to Accen­dere, atten­dere, com­pos­to su libret­to del poeta Davide Ron­doni.

Nel set­tem­bre 2012 ha inau­gu­ra­to per la dio­ce­si di Cre­mona l’An­no del­la Fede diri­gen­do nel­la Cat­te­drale di Cre­mona la Weisen­hausmesse e i Ves­per­ae de Domeni­ca di Mozart. Nel mar­zo 2013 ha diret­to lo Sta­bat Mater di Haydn. Ha da poco con­clu­so un’­Opera lir­i­ca per bam­bi­ni, Bandiera, trat­ta da un rac­con­to di Mario Lodi.

E’ docente di Teo­ria musi­cale e Ear train­ing pres­so il Con­ser­va­to­rio di Man­to­va e di Com­po­sizione e Direzione di coro pres­so la Scuo­la dioce­sana di Musi­ca sacra di Cre­mona. Atti­vo anche nel­l’am­bito del­lo stu­dio musi­co­logi­co, ha col­lab­o­ra­to con la “Riv­ista Ital­iana di Musi­colo­gia”.

Parole chiave: - - -