Siccità record, lago ai livelli minimi, Irrigazione vietata per tutto il giorno

Controlli sempre più serrati

24/08/2000 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
f.mo.

II lago, rispet­to allo scor­so inver­no, è «sot­to» di un’ot­tan­ti­na di cen­timetri. Gli acque­dot­ti di molti pae­si del Gar­da fan­no reg­is­trare il qua­si… tut­to esauri­to. Da anni sul Bena­co non si reg­is­tra­va una situ­azione idri­ca tan­to crit­i­ca, anche se in molte frazioni mon­tane da tem­po, in estate, si vive con le cisterne.Va sot­to­lin­eato che ogni paese ha dovu­to sop­portare tra luglio e agos­to l’on­da d’ur­to dei vacanzieri. Pae­si come Gargnano sono rap­i­da­mente pas­sati da poco più di trem­i­la a cir­ca quindicim­i­la per­sone. Da aggiun­gere i gia­r­di­ni e gli orti da annaf­fi­are, le auto da lavare e le piscine da riem­pire. Inevitabile che la rete idri­ca ne risentisse.Il 2 agos­to il sin­da­co di Gargnano, Daniele Ros­cia, ave­va emes­so un’or­di­nan­za che vieta­va l’u­so di acqua pota­bile per irri­gare orti e gia­r­di­ni e per riem­pire piscine, nonché per il lavag­gio di autove­icoli. Un divi­eto a tem­po inde­ter­mi­na­to per 15 ore al giorno: dalle 7 alle 22.Il per­du­rare del­la sic­c­ità e l’im­pov­er­i­men­to delle scorte d’ac­qua han­no indot­to il .sin­da­co a inter­venire nuo­va­mente. Nuo­va ordi­nan­za in data 22 agos­to e ques­ta vol­ta anco­ra più rigi­da. Il divi­eto di uti­liz­zare acqua vale su tut­to il ter­ri­to­rio comu­nale per l’ar­co delle 24 ore. da mart­edì, sui muri del paese, campeg­giano man­i­festi fir­mati dal sindaco.Spetta ora ai vig­ili urbani e ai di Gargnano far rispettare l’or­di­nan­za. Ma come sem­pre accade non tut­ti i vil­leg­gianti e i res­i­den­ti lo fa ran­no. Di sera e di notte c’è chi da fia­to alle pompe e annaf­fia l’in­sala­ta e i pomodori in gia­rdi­no. La vastità del ter­ri­to­rio e un organ­i­co ridot­to, soprat­tut­to per quan­to riguar­da la stazione dei cara­binieri, fa sì che l’or­di­nan­za del sin­da­co Daniele Ros­cia ven­ga disattesa.Pochi sono i con­trol­li che vig­ili e cara­binieri pos­sono effet­tuare ogni giorno che già sono alle prese con le lamentele di decine di tur­isti e res­i­den­ti per gli schia­mazzi not­turni. Per quan­to riguar­da l’or­di­nan­za salate saran­no le sanzioni.«Da 12 mila al mil­ione di lire», sot­to­lin­ea il coman­dante dei vig­ili Daniele Ton­in­celli che già mart­edì ha trova­to un tedesco che dava da bere al gia­rdi­no con tan­to di can­na. Ma l’ac­qua proveni­va da un poz­zo e non dal­l’ac­que­dot­to comu­nale. Quin­di nes­suna mul­ta. Se non pioverà, i con­trol­li saran­no ancor più serrati.

Parole chiave:

Commenti

commenti