375 miliardi di lire di finanziamento dello Stato, che Claudio Burlando, ministro dei trasporti, nel 1998 aveva elargito, sono andati in fumo

«Così abbiamo perduto i finanziamenti»

Di Luca Delpozzo
(a.s.)

375 mil­iar­di di lire di finanzi­a­men­to del­lo Sta­to, che Clau­dio Bur­lan­do, min­istro dei trasporti, nel 1998 ave­va elar­gi­to, sono andati in fumo. Lo spie­ga il sen­a­tore : «Per­chè la Regione Piemonte non ha ader­i­to all’intesa tra Min­is­teri dei trasporti e del tesoro e Regioni pre­vista dal­la legge 422 del 1997, che attes­ta­va il trasfer­i­men­to alle Regioni del servizio di sui laghi Mag­giore, di Como e di Gar­da, pre­vio risana­men­to tec­ni­co eco­nom­i­co, da finanziare con fon­di di cui all’articolo 2 del­la legge 194 del 1998».Le Regioni inter­es­sate sono la Lom­bar­dia per i tre laghi, il Piemonte per il lago Mag­giore, il Vene­to e la Provin­cia autono­ma di Tren­to per il . L’intesa avrebbe trasfer­i­to la com­pe­ten­za in mate­ria di trasporto su acque interne alle Regioni e lo Sta­to avrebbe stanzi­a­to 375 mil­iar­di per il risana­men­to del bilan­cio dell’Azienda di nav­igazione dei tre laghi. Le Regioni Lom­bar­dia, Vene­to e la Provin­cia di Tren­to, nel 2001, han­no espres­so parere favorev­ole all’intesa, il Piemonte invece non ha ader­i­to, poichè parte del lago Mag­giore è nel ter­ri­to­rio svizzero.«Così man­can­do l’adesione di una Regione è salta­to l’intero accor­do», con­clude Chincarini,«e la pro­ce­du­ra per il piano di risana­men­to è attual­mente in stal­lo, con la con­seguen­za che sono andati per­du­ti gli stanzi­a­men­ti». Finanzi­a­men­ti pub­bli­ci che ora gli enti locali dovran­no andare a cer­care prob­a­bil­mente alla comu­nità Europea.