Il progetto educativo è predisposto dalla scuola materna

«Crescere insieme» al bambino

Di Luca Delpozzo
e.du.

A Padenghe è nato un prog­et­to di grande spes­sore cul­tur­ale, uni­co nel suo genere, mira­to a dare con­ti­nu­ità e armo­nia alla relazione tra bam­bi­no, scuo­la, famiglia. Il prog­et­to, denom­i­na­to «Crescere insieme: cre­ativ­ità educa­ti­va», è coor­di­na­to dal­la psi­cope­d­a­gogista Nadia Poli, ed è orga­niz­za­to dal­la locale scuo­la mater­na «Vinel­li — Per­doni» (onlus). Gli incon­tri sono tenu­ti dal­la ped­a­gogista Patrizia Tortel­la. «Si trat­ta — spie­ga Tortel­la — di un cam­mi­no atten­to, mod­er­no e inno­v­a­ti­vo ver­so una mag­giore armo­nia tra le diverse isti­tuzioni che oper­a­no intorno al bam­bi­no, per ren­der­lo pro­tag­o­nista di un prog­et­to di vita con­di­vi­so». Otto gli incon­tri in pro­gram­ma con i gen­i­tori e due ulte­ri­ori incon­tri con le inseg­nan­ti. La novità sta pro­prio nel­la for­mazione delle inseg­nan­ti attra­ver­so l’attivazione di due cor­si par­al­leli a sca­den­za set­ti­manale. Questo sis­tema è utilis­si­mo per per­me­t­tere un inter­ven­to educa­ti­vo comune e con­di­vi­so, sen­za quelle spac­ca­ture che ver­reb­bero altri­men­ti a gener­ar­si in pre­sen­za di modal­ità d’azione dif­fer­en­ti. Al fine di agevolare la pre­sen­za dei gen­i­tori è pre­vista la disponi­bil­ità delle inseg­nan­ti all’attivazione di inizia­tive di intrat­ten­i­men­to dei bam­bi­ni. Le ade­sioni al prog­et­to sono risul­tate supe­ri­ori alle aspet­ta­tive, tan­to da richiedere la pre­dis­po­sizione di due grup­pi di lavoro separati.