Da domani 1 luglio in Lombardia taglio del 50% del superticket sanitario

30/06/2018 in Attualità
Parole chiave:
Di Redazione

Da domani, con l’inizio di luglio, 1 mil­ione e mez­zo di lom­bar­di potran­no usufruire del dimez­za­men­to del tick­et san­i­tario regionale che passera’ da un mas­si­mo di 30 a un mas­si­mo di 15 euro.

Tut­ti gli eroga­tori han­no aggior­na­to i pro­pri sis­te­mi infor­ma­tivi per­tan­to le prestazioni preno­tate dal 1 luglio e quelle che pos­sono effet­tuar­si con pre­sen­tazione diret­ta avran­no dirit­to allo scon­to del 50%.

Dopo lo stanzi­a­men­to di 20 mil­ioni di euro che ci ha con­sen­ti­to di finanziare il taglio del tick­et, ora lavo­riamo per elim­i­narlo com­ple­ta­mente, gra­zie all’Au­tono­mia”.  Lo affer­ma l’asses­sore al Wel­fare di Giulio Gallera.

Il mil­ione e mez­zo di lom­bar­di che avran­no dirit­to alla riduzione del 50% del tick­et regionale — sot­to­lin­ea l’asses­sore — andra’ ad aggiunger­si al 62% dei 7.666.615 assis­ti­ti che usufruis­cono del 70% delle pre­scrizioni di spe­cial­is­ti­ca e del 74% del val­ore eco­nom­i­co delle prestazioni ero­gate, che sono gia’ total­mente esen­ti dal paga­men­to del tick­et”.

7,8 EURO CONTRO I 10 DI MEDIA NAZIONALE 

Ricor­do — aggiunge — che Il tick­et san­i­tario regionale passera’ da un mas­si­mo di 30 euro a un mas­si­mo di 15. Il cos­to mas­si­mo del tick­et sara’ quin­di 36(ticket nazionale) +15 (tick­et regionale) =51 e non piu’ 66 euro (36+30) come fino­ra sostenu­to per chi richiede­va ad esem­pio prestazioni come Tac del torace o Riso­nan­za mag­net­i­ca del­la colon­na ver­te­brale. Sem­pre 51 euro (36+15) si pagherà anche per la colon­scopia oggi effet­tua­ta al cos­to di 36 euro di tick­et nazionale e 22,8 di tick­et regionale (58,8 euro). Cosi’ facen­do nel com­p­lesso il supertick­et medi­a­mente paga­to per ricetta sara’ su base regionale di 7,8 euro invece dei 10 appli­cati a liv­el­lo nazionale”.

CRITERIO 

Il cri­te­rio uti­liz­za­to per il taglio delle prestazioni piu’ cos­tose — pros­egue il tito­lare regionale del­la Sani­ta’ — e’ sta­to adot­ta­to per venire incon­tro a chi e’ costret­to a sot­to­por­si ad esa­mi diag­nos­ti­ci richi­esti per accertare la pre­sen­za o il con­trol­lo di gravi patolo­gie o per impor­tan­ti attivi­ta’ di pre­ven­zione”.

ESENZIONI AGGIUNTIVE

I 20 mil­ioni stanziati per il dimez­za­men­to del tick­et regionale si aggiun­gono ai 70 che Regione Lom­bar­dia gia’ sostiene per le esen­zioni aggiun­tive rispet­to a quelle nazion­ali. Queste riguardano: gli uten­ti con l’e­ta’ fino a 14 anni e gli adul­ti in con­dizione di par­ti­co­lare fragili­ta’, dis­oc­cu­pati e cass­in­te­grati (total­mente esen­ti sia da quel­lo nazionale che da quel­lo regionale) e gli over 65 anni con red­di­to fino a 38.500 euro, anziche’ i 36.151 fis­sati dalle esen­zioni nazion­ali; dal 2015 i cit­ta­di­ni con red­di­to famil­iare fis­cale annuale non supe­ri­ore a 18.000 euro, e loro famil­iari a cari­co, non pagano quel­lo regionale, un’e­sen­zione con­ces­sa a cir­ca 150.000 sogget­ti ben­e­fi­cia­ri.

 

Parole chiave: