Festa del Vinodotto e in fila per lo spiedo

Da questa sera a Rivoltella

Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
m.to.

Una lun­ga tubazione, con molte boc­chette, che come un ser­pente avvolge un pez­zo di paese. Ma dai rubi­net­ti non sgor­ga acqua ma di qual­ità. Suc­cede a Riv­oltel­la per la Fes­ta del Vin­odot­to, che si ripete da 12 anni gra­zie al grup­po folk «». Il tubo lun­go 250 metri con 15 boc­chette si snoderà da oggi nel par­co del­la Torre. La fes­ta com­in­cerà alle 19.30 per pros­eguire fino a tar­da notte. Saran­no in migli­a­ia a river­sar­si a Riv­oltel­la per man­gia­re lo spiedo con polen­ta. Ci sarà da scegliere tra vino bian­co e rosso. Non mancherà il momen­to musi­cale ad alli­etare la lun­ga notte riv­oltellese con un com­p­lesso locale. Il Vin­odot­to è un’au­t­en­ti­ca antepri­ma alla mega sagra popo­lare più nota come «Fes­ta del Lago e del­l’Ospite» in pro­gram­ma la pri­ma set­ti­mana di agos­to. L’area su cui si svol­gerà la Fes­ta del Vin­odot­to è molto sug­ges­ti­va per­ché da lì si può ammi­rare uno splen­di­do panora­ma del sot­tostante lago. L’aper­tu­ra delle boc­chette è pre­vista alle 19.30, meglio preno­tar­si per tem­po pres­so gli orga­niz­za­tori oppure arrivare in anticipo. Le prime edi­zioni del Vin­odot­to si svol­gevano in via Di Vit­to­rio, in mez­zo alle case.

Parole chiave: -