Dal paese terremotato di Accumoli un ringraziamento alla Polizia Locale di Desenzano del Garda

Di Redazione

L’associazione di agen­ti del­la “Fuori coro” ha invi­a­to al Coman­do di Desen­zano del Gar­da una let­tera di ringrazi­a­men­to per l’attività di volon­tari­a­to svol­ta nel Comune di Accu­moli (Rieti) dal 2 al 15 gen­naio.

Vi ringrazi­amo a nome di tut­ti gli uomi­ni e le donne che vestono la divisa del­la Polizia Locale per­ché questo atto di altru­is­mo, al di là del mero aiu­to mate­ri­ale, assume il sim­bol­i­co val­ore di cemen­to a sug­gel­lo di una sol­i­da­ri­età che traval­i­ca i con­fi­ni region­ali ed unisce il nord al sud, il pic­co­lo paese con la grande cit­tà”.

Ques­ta di Accu­muli è sta­ta la terza mis­sione di sol­i­da­ri­età svol­ta dal Coman­do di Desen­zano del Gar­da sot­to l’egida del­la , dopo quel­la del 2009 a segui­to del ter­re­mo­to dell’Aquila e quel­la del 2012 in Emil­ia Romagna.

Agen­ti e uffi­ciali del­la P.L. di Desen­zano sono sta­ti dis­tac­cati per due set­ti­mane pres­so il Comune di Accu­moli e le sue dici­as­sette frazioni, svol­gen­do attiv­ità di pre­sidio del ter­ri­to­rio, di con­trol­lo stradale e di vic­i­nan­za alla popo­lazione, carat­ter­iz­za­ta anche dall’ascolto e dal sup­por­to per la vita quo­tid­i­ana.

La situ­azione” – com­men­ta il Coman­dante Car­lal­ber­to Pres­ic­ci — “ha pun­ti di con­tat­to con quel­la già sper­i­men­ta­ta a L’Aquila, con le per­sone trau­ma­tiz­zate e pre­oc­cu­pate per il pro­prio futuro. Qui, in più, gio­ca la dis­per­sione sul ter­ri­to­rio, con molte frazioni iso­late e di dif­fi­cile acces­so. Ci siamo occu­pati soprat­tut­to di mon­i­torare i col­lega­men­ti stradali e riportare le neces­sità del­la popo­lazione al coor­di­na­men­to del­la pro­tezione civile”.

Al sin­da­co di Accu­moli” – dichiara il sin­da­co di Desen­zano – “sono sta­ti con­seg­nati i 5.890 euro rac­colti con la sot­to­scrizione avvi­a­ta dall’amministrazione comu­nale. Un modo per far sen­tire la vic­i­nan­za di quan­ti, non poten­do essere fisi­ca­mente pre­sen­ti a Desen­zano, han­no dona­to con gen­erosità”.