Racconta 50 anni di vita desenzanese

Debutta «Desensà», il nuovo calendario

23/11/2002 in Avvenimenti
A Affi
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Affi

Oggi alle ore 17.30 all’O­ra­to­rio «Gio­van­ni XXIII» di Desen­zano, in piaz­za Garibal­di, debut­ta la terza edi­zione del cal­en­dario «Desen­sà». L’idea è nata nel 2000 da un grup­po di ami­ci per tes­ti­mo­ni­are, attra­ver­so foto e testi, la pas­sione per Desen­zano. Per la pri­ma edi­zione il sogget­to era un’ide­ale passeg­gia­ta nei luoghi più sig­ni­fica­tivi del­la cit­tà; per l’edi­zione 2002 l’oc­chio atten­to di Rober­to Tom­masi ave­va colto alcu­ni splen­di­di scor­ci di case e strade del cen­tro. Quest’an­no il Grup­po Ami­ci ha prefer­i­to tuf­far­si nel pas­sato per far riemerg­ere alcune istan­ta­nee storiche, recu­peran­dole dagli album fotografi­ci di ami­ci e conoscen­ti. L’ele­men­to uni­fi­ca­tore di queste dod­i­ci immag­i­ni, oltre al comune sfon­do desen­zanese, è ben rias­sun­to dai due ver­si «Zènt de mar, zènt de lac, e? zènt de Oste­ria», trat­ti da una dialet­tale di Alber­to Rigo­ni «Rigù», autore anche per il 2003 dei testi e delle didas­calie del cal­en­dario. Per­son­ag­gi di varia estrazione sono ritrat­ti in una cit­tà prob­a­bil­mente irri­conosci­bile dalle nuove gen­er­azioni, ma ben nota a chi è cresci­u­to nel sec­on­do dopoguer­ra. Le pro­fonde mutazioni che la cit­tà ha subito negli ulti­mi anni, pur mod­i­f­i­can­do le abi­tu­di­ni e l’aspet­to delle vie e delle case, non han­no can­cel­la­to lo spir­i­to e la natu­ra desen­zanese. Il Grup­po Ami­ci, for­ma­to da desen­zane­si doc, ded­i­ca per­ciò questo cal­en­dario a tut­ti col­oro che amano, attra­ver­so il ricor­do del­la Desen­zano di ieri, la cit­tà di oggi. Gra­zie al sosteg­no di alcu­ni spon­sor — tra i quali il Grup­po costruzioni Stil House — che han­no sostenu­to le spese di pub­bli­cazione, il rica­va­to sarà devo­lu­to in benef­i­cen­za alla coop­er­a­ti­va «La Casci­na» che si occu­pa del recu­pero, attra­ver­so l’at­tiv­ità lavo­ra­ti­va, dei por­ta­tori di hand­i­cap. Con le edi­zioni degli anni scor­si è già sta­to pos­si­bile aiutare l’ e la stes­sa Casci­na con gli oltre 14 mil­ioni di lire rac­colti. Il cal­en­dario sarà illus­tra­to anche domeni­ca 1 dicem­bre alle 10.30 al «Cir­culì» di via Gram­sci, saba­to 7 dicem­bre alle 17.30 al bar dei Com­bat­ten­ti «Dal­la Gio­van­na» in piaz­za Cap­pel­let­ti, men­tre alle ore 16 di domeni­ca 8 dicem­bre è pre­vis­to un incon­tro più for­male, al Palaz­zo del Turismo.

Parole chiave: