Il concorso «Orchidea d’argento» entra nel vivo

Decorazioni floreali: i maestri del settore si sfidano a Desenzano

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Desenzano del Garda

«Bizze e biz­zarrie flo­re­ali», sarà questo il tema sul quale stan­no per sfi­dar­si, per le vie del cen­tro stori­co di Desen­zano, i migliori maestri ital­iani dell’arte flo­re­ale. L’iniziativa, pro­mossa per il 19mo anno dall’associazione no prof­it «Orchidea d’argento», è sta­ta pre­sen­ta­ta dal pres­i­dente Adri­ano Capri­oli, alla pre­sen­za del sin­da­co Fioren­zo Pien­az­za e dell’assessore al Tur­is­mo Ade­lio Zanel­li. Par­liamo di un con­cor­so itin­er­ante che negli ulti­mi anni ha toc­ca­to cit­tà come San Daniele del Friuli, For­lì e Pescara, per appro­dare quest’anno sul Gar­da in una for­ma inedi­ta. Le attiv­ità del­la man­i­fes­tazione dur­eran­no infat­ti qua­si una set­ti­mana, e saran­no affi­an­cate da inizia­tive col­lat­er­ali des­ti­nate a coin­vol­gere abi­tan­ti, com­mer­cianti e tur­isti. Un even­to che porterà l’arte degli addob­bi e delle dec­o­razioni flo­re­ali in mez­zo alla gente, per mostrare le dif­fi­coltà di una tec­ni­ca spet­ta­co­lare. I parte­ci­pan­ti, in tut­to 43, sono divisi in tre tipolo­gie di con­cor­so sta­bilite in base alla dis­tan­za chilo­met­ri­ca da Desen­zano. Il tor­neo gial­lo, con 21 parte­ci­pan­ti, accoglie fior­isti prove­ni­en­ti da local­ità dis­tan­ti oltre i 500 chilometri. A loro è sta­to asseg­na­to il tema «Fiori, frut­ta e ortag­gi», e la gara avrà luo­go nel­la mat­ti­na­ta di domani. Il tor­neo rosso, sul tema «Fiori, essen­ze e can­dele», si svol­gerà invece nel­la mat­ti­na­ta di ven­erdì con­trap­po­nen­do 12 fior­isti res­i­den­ti a una dis­tan­za che spazia dai 500 ai 100 chilometri dal comune garde­sano. Infine il tor­neo blue: 10 parte­ci­pan­ti più prossi­mi al Gar­da che si sfider­an­no nel­la mat­ti­na­ta di saba­to. Al ter­mine di ogni gior­na­ta di gara, la giuria, com­pos­ta da inseg­nan­ti Fed­er­fiori e da esper­ti di arte varia, affi­an­cati da una pre giuria for­ma­ta da com­po­nen­ti dell’associazione e da esper­ti locali, proclamerà cinque vinci­tori che gareg­ger­an­no domeni­ca cimen­tan­dosi con un tema a sor­pre­sa. La man­i­fes­tazione ha solo lo scopo di pro­muo­vere l’arte flo­re­ale in Italia con nuove pro­poste, idee e linee, ten­tan­do di dar vita a un vero e pro­prio «stile ital­iano». Al vinci­tore andrà il pres­ti­gioso tro­feo in alabas­tro e argen­to che da 18 edi­zioni pas­sa di mano in mano. E le inizia­tive col­lat­er­ali? Sono invece des­ti­nate a coin­vol­gere la cit­tà che ospi­ta il con­cor­so: già a par­tire da ieri e per tut­ta la gior­na­ta di oggi vivaisti e fior­isti locali stan­no alles­ten­do le aiole artis­tiche col­lo­cate lun­go tut­ta l’isola pedonale, men­tre domani pomerig­gio, con la col­lab­o­razione del par­ro­co don Adeli­no, i maestri fio­rai addob­ber­an­no l’interno del Duo­mo. Ven­erdì saran­no le vetrine dei negozi affac­ciati sul cen­tro stori­co a essere dec­o­rate per il con­cor­so «Fior fiore di vetrine». E saba­to sera alle 21, gli ottoni del di Gen­o­va suon­er­an­no per ispi­rare la creazione di mazzi di fiori adeguati alla musi­ca pro­pos­ta. L’assessore Zanel­li si è dichiara­to assai sod­dis­fat­to dell’alto pro­fi­lo di una inizia­ti­va che potrebbe trovare pro­prio a Desen­zano una col­lo­cazione sta­bile, diven­tan­do un appun­ta­men­to fis­so dell’estate.

Parole chiave: