Dal 30 settembre ai subacquei della Marina Militare italiana si affiancheranno team militari provenienti da altri Paesi.

Deep Divex, immersioni su alti fondali

28/09/2013 in Sport
Di Redazione

Dal 30 set­tem­bre (lunedì) fino al prossi­mo 11 otto­bre si svol­gerà l’esercitazione inter­nazionale di immer­sioni su alti fon­dali denom­i­na­ta «Deep divex»: ai sub­ac­quei del­la Mari­na Mil­itare ital­iana si affi­ancher­an­no team mil­i­tari prove­ni­en­ti da Cana­da, Norve­g­ia, Svezia, Fin­lan­dia, Bel­gio e Por­to­gal­lo.

Per la pri­ma vol­ta l’even­to, che si svolge con una caden­za bien­nale tra le Marine in pos­ses­so di capac­ità d’immer­sione autono­ma fino alla quo­ta di 80 metri, non sarà con­dot­to in mare aper­to, ma vedrà cimen­ta­r­si i sub­ac­quei mil­i­tari più preparati al mon­do in un lago e in par­ti­co­lare nel mer­av­iglioso sce­nario di Riva del Gar­da.

Ques­ta scelta, volu­ta forte­mente dal­la Mari­na Mil­itare e sup­por­t­a­ta dall’amministrazione comu­nale, è sta­ta det­ta­ta dall’esperienza mat­u­ra­ta dal­la Scuo­la Sub­ac­quei di Com­subin (Coman­do Sub­ac­quei e Incur­sori, con sede alla Spezia) che, per con­clud­ere la for­mazione dei Palom­bari del­la Mari­na, da alcu­ni anni sfrut­ta le impareg­gia­bili carat­ter­is­tiche logis­tiche del por­to San Nicolò e la par­ti­co­lare mor­folo­gia dei suoi fon­dali, che pre­cip­i­tano repenti­na­mente oltre i cen­to metri di pro­fon­dità.

La Deep Divex è nata con lo scopo di con­frontare le espe­rien­ze mat­u­rate dai diver­si Repar­ti in mer­i­to all’impiego di autores­pi­ra­tori a mis­cela a cir­cuito chiu­so (rebreather), stan­dard­iz­zare le pro­ce­dure di sup­por­to san­i­tario e logis­ti­co, svilup­pare le modal­ità di impiego oper­a­ti­vo per immer­sioni nel­la fas­cia tra i 60 e gli 80 metri, e quest’anno vedrà impeg­nati i sub­ac­quei in diver­si sce­nari oper­a­tivi con una forte con­no­tazione di real­is­mo. Tale pecu­liar­ità, insieme ai sug­ges­tivi panora­mi del ter­ri­to­rio dell’Alto Gar­da e alle sue stra­or­di­nar­ie ric­chezze nat­u­rali – scelti anche per la con­sol­i­da­ta espe­rien­za dal pun­to di vista ricetti­vo e alberghiero – per­me­t­terà alla Mari­na Mil­itare di ren­dere l’esercitazione Deep Divex 2013 un even­to adde­stra­ti­vo uni­co al mon­do e un’indi­men­ti­ca­bile espe­rien­za per tut­ti i con­venu­ti.