L'editoria turistica tedesca si fa più mirata con due nuove pubblicazioni rivolte l'una alle famiglie, l'altra agli appassionati della buona tavola.

Der Gardasee ed i suoi ristoranti

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

E’ sem­pre in tes­ta all’in­ter­esse dei tedeschi la meta tur­is­ti­ca del . E due nuove guide stan­no a testimoniarlo.L’editoria tur­is­ti­ca tedesca si fa più mira­ta con le due nuove pub­bli­cazioni riv­olte l’u­na alle famiglie, l’al­tra agli appas­sion­ati del­la buona tavola.“Ristoranti am Gar­dasee” è il tito­lo del­la gui­da edi­ta da Steiger Ver­lag di Mona­co di Baviera a cura di Ellen ed Hel­mut Dumler.Un per­cor­so alla scop­er­ta del­la nuo­va tavola garde­sana in cui attra­ver­so schede aggior­nate e doc­u­men­tate si seg­nalano ris­toran­ti, trat­to­rie e osterie nel­l’in­ten­to di sug­gerire quan­to di meglio il Gar­da pro­pone in fat­to di ristorazione.Ed è inter­es­sante indi­ca­tore del­l’evoluzione di un gus­to che si fa più raf­fi­na­to e più atten­to che non s’ac­con­tenta più di un pas­to pur che sia ma che vuole sper­i­menta­re la tipic­ità e la qual­ità di un appun­ta­men­to con la tavola sem­pre più piacere conviviale.Settanta sono il locali selezionati dagli autori del­la gui­da, pro­posti per aree ter­ri­to­ri­ali che par­tendo da nord van­no a chi­ud­ere il perimetro del lago toc­can­do l’en­troter­ra del trenti­no, del bres­ciano, del man­to­vano e del veronese.“Gardasee Fam­i­lien-Reise­führer” è invece il tito­lo che la Com­pan­ions Ver­lag di Ambur­go ded­i­ca alla vacan­za sul Gar­da delle famiglie e delle gio­vani coppie.Il lago di Gar­da per gen­i­tori e figli è pro­pos­to con accu­ra­ta atten­zione da Got­tfried Aign­er che seg­nala itin­er­ari, spi­agge, parchi giochi, attrazioni, ris­toran­ti dove si fan­no menù per bam­bi­ni, agri­t­ur­is­mi, cen­tri sportivi, musei e mille altre infor­mazioni per chi sceglie una vacan­za con i figli.Un seg­men­to di vacan­za forse anco­ra trop­po trascu­ra­to nel­l’of­fer­ta tur­is­ti­ca locale che non le ha costru­ito attorno pac­chet­ti sig­ni­fica­tivi ma che sta incon­tran­do una doman­da cres­cente ed a cui il mer­ca­to tedesco mostra di essere par­ti­co­lar­mente sensibile.

Parole chiave: