Imminente la posa di segnaletica in bresciano per valorizzare il dialetto ed i toponimi tradizionali

DESENSÀ E RIULTÈLA

Di Luca Delpozzo
Redazione Gardanotizie.it

DESENSÀ E RIULTÈLAIm­mi­nente la posa di seg­nalet­i­ca in bres­ciano per val­oriz­zare il dialet­to ed i topon­i­mi tradizion­aliV­er­ran­no instal­lati a par­tire dai prossi­mi giorni, nei prin­ci­pali ingres­si di Desen­zano e Riv­oltel­la e nelle frazioni di San Mar­ti­no, Mon­tonale, Vac­caro­lo, San Pietro e Grole, 29 pan­nel­li indi­ca­tori in ital­iano e in dialetto.La scelta di val­oriz­zare la cul­tura locale e l’identità desen­zanese attra­ver­so una cartel­lonis­ti­ca in ital­iano e bres­ciano era sta­ta introdot­ta con un emen­da­men­to con­sil­iare da Pao­lo Abate, all’epoca seg­re­tario del­la Lega Nord e attuale asses­sore ai lavori Pubblici.Il piano prevede la sos­ti­tuzione di 14 cartel­li non più con­for­mi alle dis­po­sizioni del Codice del­la stra­da e la posa di altri 7 che risul­ta­vano man­can­ti, men­tre per gli altri 8 si trat­ta di un aggiornamento.In par­ti­co­lare ne ver­ran­no posizionati 13 a Desen­zano, in cor­rispon­den­za delle prin­ci­pali arterie di acces­so alla cit­tà, 3 a Riv­oltel­la (due al vec­chio con­fine comu­nale ed uno all’uscita del­la tan­gen­ziale), gli altri all’ingresso e all’uscita delle rispet­tive frazioni.Le dic­i­ture che ver­ran­no ripor­tate sono: Desen­zano / Desen­sà, Riv­oltel­la / Riultèla, S. Mar­ti­no / S. Martì, Mon­tonale / Mön­tu­nal, S.Pietro / S. Ped­er, Vac­caro­lo / Vacaröl e Grole / Gröle.Lo sfon­do dei pan­nel­li è di col­ore mar­rone, le dimen­sioni sono di cm 150 di base x 70 di altez­za, sal­vo i cartel­li di Desen­zano e Riv­oltel­la che ripor­tan­do anche uno stem­ma mis­ura­no cm 180 di base. Il pan­nel­lo di Riv­oltel­la sarà infat­ti abbel­li­to dal­la ripro­duzione dal sim­bo­lo dell’ex-comune e dai col­ori rosso e blu, accom­pa­g­na­to dal­la speci­fi­ca “stem­ma storico”.Il cos­to com­p­lessi­vo è sta­to di 6.869 euro + Iva, che potran­no essere parzial­mente recu­perati acce­den­do ai finanzi­a­men­ti pre­visti dal­la Provin­cia di Bres­cia.