La Provincia annuncia corposi interventi per la messa in sicurezza della strada. Interessata anche la Cunettone-Tormini

Desenzano-Salò, cantieri milionari

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Sergio Botta

Pros­eguen­do l’opera di mes­sa in sicurez­za delle strade più a ris­chio, l’asses­so­ra­to ai Lavori pub­bli­ci, guida­to da , ha pro­gram­ma­to una serie di inter­ven­ti per un impor­to com­p­lessi­vo di 18 mil­ioni e 420 mila euro (pari a oltre 36 mil­iar­di di vec­chie lire) per inter­venire sul­l’ex statale 572 «Desen­zano-Salò» e la Provin­ciale V «Cunet­tone-Tormi­ni». I lavori, in ques­ta fase, riguarder­an­no il pri­mo lot­to, per un totale di 12 mil­ioni e 650 mila euro, som­ma già cop­er­ta da un finanzi­a­men­to, inser­i­to nel Pro­gram­ma tri­en­nale delle Opere pub­bliche. Entran­do nel det­taglio, a Desen­zano si real­izzerà una rota­to­ria all’al­tez­za di via San Benedet­to, men­tre a Padenghe in local­ità S.Giulia, è pre­vista una cir­co­lazione ad anel­lo dal­l’im­por­to di 1.269mila euro. A Moni­ga, inoltre si installerà un man­u­fat­to in local­ità Per­go­la e via Canestrel­li con sep­a­razione delle cor­sie per 1.654mila euro. Anco­ra nel paese del­la Valte­n­e­si, ma al con­fine con Maner­ba, altre due rotonde in via Cos­ta e via Per­go­la per cir­ca 2 mil­ioni di euro. Pueg­na­go sarà inter­es­sato da tre inter­ven­ti (rota­to­ria local­ità «Enop­o­lio», sot­topas­so alla «Madon­na del­la Neve» e un sec­on­do man­u­fat­to al «Dos­so» per com­p­lessivi 2.200mila euro. Un altro inter­ven­to tra Pueg­nano e Maner­ba all’al­tez­za di via Cam­pag­nole e a via Ser­raglio per 270mila euro. Pas­san­do alla Provin­ciale V sarà sis­tem­ato l’in­cro­cio dei Tormi­ni, teatro di lunghe code, soprat­tut­to per chi prove­nien­do da Cunet­tone di Salò, s’im­mette sul­l’ex statale 45 bis (). Saran­no real­iz­za­ti un sot­topas­so (1° stral­cio) in local­ità «Molin», un inter­ven­to sopra l’im­boc­co delle gal­lerie dei Tormi­ni, una rota­to­ria tra la 45 bis e la Sp IV ai Tormi­ni per un totale di oltre 3 mil­ioni di euro. Tra le opere anche il 2° stral­cio a Cunet­tone del­la ret­ti­fi­ca del trac­cia­to sul­la Provin­ciale V. Infine, ele­men­to di novità, sono sta­ti inser­i­ti 600mila euro per real­iz­zare piaz­zole di sos­ta per le auto­li­nee pub­bliche. «L’o­bi­et­ti­vo — ha spie­ga­to il pres­i­dente Alber­to Cav­al­li — è di razion­al­iz­zare i flus­si di traf­fi­co ed offrire la mas­si­ma sicurez­za su di un’ar­te­ria che attra­ver­sa un’area di grande pre­gio ambi­en­tale e in cui si con­cen­tra buona parte del tur­is­mo del ter­ri­to­rio bres­ciano». Sot­to­lin­eato l’aspet­to di col­lab­o­razione con i Comu­ni del­la zona che con­tribuis­cono alla spe­sa, con­sapevoli che la sis­temazione del­la , sig­nifi­ca creare le con­dizioni per miglio­rare la qual­ità del­la vita. «Ai pri­mi di luglio — è inter­venu­to Paroli­ni — abbi­amo esple­ta­to le gare d’ap­pal­to, men­tre altre sono in cor­so, per garan­tire un’adegua­ta pro­gram­mazione dei lavori, non appe­san­ten­do la via­bil­ità inter­es­sa­ta». Le due arterie provin­ciali han­no una lunghez­za rispet­ti­va di 19,5 e 2,4 chilometri ed assor­bono in parte anche il traf­fi­co dei mezzi pesan­ti, prove­ni­en­ti dal­la Valsab­bia. La Provin­cia ha dap­pri­ma effet­tua­to uno stu­dio, tramite il pro­prio staff del Set­tore prog­et­tazione strade del­l’area tec­ni­ca (respon­s­abile l’ingeg­n­er Bor­to­lo Perug­i­ni), per i Comu­ni di Moni­ga e Maner­ba, affi­dan­do i restanti trat­ti ad altri pro­fes­sion­isti esterni (ingeg­neri Poliaghi, Bosca­to, Gorio, Sca­roni, Mer­luzzi). Insieme han­no indi­vid­u­a­to 19 pun­ti crit­i­ci sul­la 572 sui ter­ri­tori di: Desen­zano, Lona­to, Padenghe, Moni­ga, Maner­ba, Pueg­na­go Salò e Roè Vol­ciano. Si prevede che entro la metà del 2005, i lavori saran­no completati.

Parole chiave: